Melania, Ris analizzano i vestiti di Parolisi. Legale Rea: Attendiamo

Dopo le valigie e l’automobile, i vestiti. Si stringe il cerchio delle indagini sull’omicidio di Melania Rea, la donna trovata morta a Ripe di Civitella il 20 aprile scorso, attorno alla figura di Salvatore Parolisi, caporalmaggiore dell’esercito nonché marito della vittima.
Nella giornata di oggi nei laboratori dei Ris dei Carabinieri, a Roma, verranno svolte analisi su alcuni capi d’abbigliamento appartenenti al presunto uxoricida. Gli indumenti al centro delle attenzioni degli investigatori sono stati prelevati dalla casa dei genitori dell’indagato a Frattamaggiore, durante la perquisizione dei giorni scorsi.

Tra Ripe e Colle – Il giallo continua a essere impigliato su un punto ben preciso: Melania scomparve, così come dichiarato dal marito, da Colle San Marco il 18 aprile scorso oppure non giunse mai nella piccola località ascolana? Riuscire a rispondere a questa domanda è essenziale per fare luce sull’intera vicenda ma soprattutto per capire quale sia la reale posizione di Parolisi: l’uomo, che continua a dichiararsi innocente e convinto delle proprie ragioni, al momento non è riuscito a fornire alcun elemento tale da accertare la veridicità di quanto da lui dichiarato. Nonostante i numerosi appelli, nessuno ha testimoniato circa la presenza di Melania e del marito a Colle nell’orario indicato dal caporalmaggiore.

Parla l’avvocato – A commentare le indagini e i sospetti attorno a Salvatore Parolisi è stato anche l’avvocato Mauro Gionni, legale della famiglia Rea, che ha dichiarato: “E’ il complesso degli elementi raccolti fino ad ora dagli inquirenti che fa andare tutti verso un’unica direzione, e non in altre. E poi non c’è alcuna persona che abbia confermato il racconto del militare, in relazione alla presenza sua e di Melania sul San Marco in quel pomeriggio del 18 aprile. Naturalmente sarà l’incrocio dei dati e degli elementi raccolti fino ad ora, con i risultati degli esami autoptici e quello dei tabulati telefonici, a fornire un quadro più chiaro di quanto accaduto“.

S. O.