Melania Rea: papà Gennaro, “Vengano alla luce i buchi neri di Salvatore”, la zia parla di Ludovica

E’ stato un sfogo infuocato e pieno di rabbia quello a cui si è lasciata andare ieri, durante un’intervista televisiva, Teresa, la zia di Melania Rea, la ventinovenne originaria di Somma Vesuviana trovata morta lo scorso 20 aprile a Ripe di Civitella, uccisa da 32 coltellate. Dalle sua parole è emersa molta amarezza, non solo per la posizione ambigua di Salvatore Parolisi, marito della vittima e unico indagato per l’omicidio, ma anche per le recenti polemiche che sono state suscitate attorno alla vicenda:«Io spero che Salvatore non l’abbia uccisa. Voglio precisare che, fin dall’inizio, tutta la famiglia Rea era vicina a Salvatore e gli credeva. Quando poi, nel corso delle indagini, sono emerse delle discordanze nelle sue dichiarazioni, per tutti noi è stata una doccia fredda», ha commentato Teresa, intervenendo nel salotto di “Pomeriggio Cinque”. Ed ha continuato: «Il mio reale pensiero è che si concludano al più presto le indagini perchè in quella famiglia non si vive più. È un dolore quotidiano. La morte di un figlio è devastante e soprattutto in questo modo. Pensare poi che ci possa essere il dubbio che nell’omicidio sia coinvolta una persona conosciuta, è ancora peggio. Inoltre, se si pensa che in tutto questo c’è anche una bambina piccola, è ancora più difficile. Mi auguro che si trovi il colpevole e che emerga la verità». Dolore che si aggiunge ad altro dolore, quindi: oltre ad una nipote uccisa barbaramente da un assassino che non ha ancora un volto, la disperazione per una bambina bambina di 18 mesi che non potrà più godere delle attenzioni della sua mamma e la paura che, ad uccidere Melania, possa essere stata proprio la persona di cui si fidava di più, colui che, come ha spesso ripetuto il papà Gennaro, “avrebbe dovuto proteggerla”.

Teresa parla di Ludovica – Zia Teresa è apparsa rammaricata anche per le polemiche scaturite dalle dichiarazioni di Valentina, la migliore amica di Melania, che aveva smentito, in un intervista, quanto dichiarato da Ludovica P., la soldatessa di Sabaudia amante di Salvatore Parolisi: «Questa è una brutta storia, bruttissima ed ultimamente sentiamo solo polemiche al riguardo. Amici, presunti amici, e questo non va bene. Se c’ è una vera amica che ha detto la verità non si devono fare polemiche». Dimostrando tutta la sua stima e solidarietà a Valentina, Teresa si è lasciata andare a qualche commento su Ludovica, della quale, fino ad ora, aveva sempre preferito non parlare: «Dicono che sia una ragazzina – ha commentato – ma ha l’età più o meno di Melania, ma mia nipote aveva già un matrimonio alle spalle, una bambina di 18 mesi e una famiglia da portare avanti. Aveva un sogno da realizzare, ma la sua vita è stata troncata».

L’intervento di Gennaro Rea – Durante la diretta è intervenuto telefonicamente anche il padre di Melania, Gennaro Rea, che si è scagliato animatamente contro un giornalista ospite in trasmissione, amico della famiglia Parolisi: Gennaro, con un tono visibilmente contrariato, ha risposto alle difese avanzate dal giornalista nei confronti di Salvatore, rispondendo che, dopo tutto, lo conosceva da soli 3 mesi, pertanto non poteva essere completamente certo della sua innocenza. Ma poi ha proseguito e, riguardo alle polemiche su Valentina, ha voluto precisare: «Teresa ed io ci riferiamo alle dichiarazioni di Valentina, l’amica di Melania, dichiarazioni fatte il 27 aprile. Ora, che si parli di “amici, comparsi improvvisamente” non è vero e vogliamo chiarezza a 360 gradi. Noi vogliamo solo la verità e che i buchi neri di Salvatore vengano alla luce».

Francesca Theodosiu