Mondiali di nuoto, da fondo e tuffi le prime medaglie azzurre

Mondiali di nuoto – Acque azzurre in quel di Shanghai. Con venature d’argento e bronzo. Arrivano le prime medaglie per la truppa italiana ai Mondiali di nuoto di Shanghai: a conquistarle sono due ragazze: Martina Grimaldi nella 10 km di nuoto in acque libere (argento) e Tania Cagnotto nel trampolino da 1 metro (bronzo). Due risultati di rilievo ai quali si aggiunge il 4° posto di Maria Marconi nella stessa gara della Cagnotto. Insomma, l’avventura azzurra in Cina inizia a diventare interessante anche dal punto di vista delle soddisfazioni.

Grimaldi d’argento – Medaglia d’argento e qualificazione ai Giochi Olimpici di Londra: Martina Grimaldi, seconda nella 10 km di fondo può ritenersi più che soddisfatta: E’ una medaglia che mi ripaga dei tanti sacrifici sostenuti. Sono felicissima e spero che il mio risultato possa dare la spinta a tutto il gruppo degli azzurri”. A batterla solo l’inglese Payne, mentre al terzo posto si è classificata la greca Lymperta. Attimi di panico per l’altra azzurra in gara: Giorgia Consiglio ha abbandonato la competizione per una crisi di panico. Tutto poi si è risolto per il meglio.

Cagnotto di bronzo – In rimonta. E che rimonta: dal 12° posto delle qualificazioni alla medaglia di bronzo in finale. Il tutto dopo che un mese fa un incidente col motorino aveva messo a repentaglio la partecipazione di Tania Cagnotto alla rassegna mondiale. A batterla le (solite) cinesi: imprendibili ed imbattibili Shi Tingmano e Wang Han. L’atleta bolzanina (alla quinta medaglia iridata) esulta: “Ho lavorato molto ma non mi sentivo, comunque, abbastanza preparata. Però avevo tanta forza in me. Il momento decisivo? Il terzo tuffo: se avessi fallito quello non avrei potuto conquistare una medaglia”. Rammarico per Maria Marconi, giunta quarta: è comunque il suo miglior risultato in  un Mondiale.

Edoardo Cozza