Amy Winehouse e Reg Traviss: quando l’amore non basta

Amy Winehouse, Morte, Reg Traviss. Aveva solo 27 anni Amy, una vita spesa per la sua musica e per gli eccessi. Una voce inconfondibile, originale, una timbrica che, nel bene e nel male, l’ha resa unica. Un talento formidabile che si è spento probabilmente quando ancora tanto poteva regalare. Non sono ancora noti i motivi che hanno portato al suo decesso ma sui tabloid di mezzo mondo si parla del suo amore disperato con il regista Reg Traviss, un amore complicato, tormentato.
C’era anche Reg ieri tra la folla accorsa attorno alla casa dove l’artista inglese è scomparsa.

Amore e matrimonio. Amy, alcuni mesi fa, aveva chiesto a Reg di sposarla ma il rifiuto del regista era stato netto. Successivamente invece, nell’aprile scorso, era stato proprio Traviss a dichiarare: «Amy ed io pensiamo di sposarci. Stiamo cercando di prenotare qualcosa molto presto, magari entro la fine dell’anno. Amo molto Amy, è una ragazza meravigliosa, di talento, bella».
Sembrava poter essere proprio l’uomo giusto per la Winehouse, l’uomo in grado di rincondurla verso una vita lontano dagli eccessi, dalle droghe, dall’alcool.

Restano ancora da chiarire le circostanze nelle quali se n’è andata la celebre cantante soul. Forte lo sgomento anche tra i musicisti di mezzo mondo, increduli di fronte alla scomparsa di una musicista davvero talentuosa.

Pier Luigi Balzarini