Un piatto di alghe contro l’infarto

Alghe contro gli infarti. Con un piatto di alghe meno colesterolo e meno problemi cardiaci. La scoperta che le alghe fanno bene al cuore è del Teagasc Food Research Centre di Dublino, che ha individuato nella “macroalga”, un genere di alga commestibile, alcune proprietà necessarie al nostro organismo per mantenere la pressione a livelli bassi e così prevenire l’infarto e l’ictus, che rappresentano una delle prime cause di morte nel mondo. Si tratta dei peptidi bioattivi, nutrienti che producono un effeto simile ai farmaci ACE inibitori.

I peptidi bioattivi riducono la pressione. La ricerca irlandese, diretta dalla dottoressa Maria Hayes e pubblicata sul “Journal of Agricultural and Food Chemistry”, avrebbe esaminato il beneficio delle macroalghe proprio nei peptidi,  sostanze presenti anche nel latte e capaci di ridurre la pressione sanguigna. Regolando tale parametro, tali proteine rendono più sano il cuore e meno frequenti infarti ed ictus. “Sono necessari ulteriori sforzi per sfruttare appieno il loro potenziale per l’uso e la diffusione nei prodotti alimentari”.  Occorre quindi incentivare la coltivazione di questo tipo di alga, il suo uso alimentare e lo studio per approfondire la ricerca su tali proprietà curative, perché ancora molto potrebbe essere scoperto e utilizzato in favore della nostra salute.

I benefici delle alghe. Le alghe sono uno degli alimenti più famosi della cultura orientale, pianta ornamentale e nutrimento di tutti gli oceani esistenti. In effetti, però, le proprietà benefiche sono più efficaci ed evidenti in un individuo di nazionalità occidentale, forse in quanto gli orientali, mangiandole ogni giorno, sono diventati ormai refrattari alle migliaia di benefici contenuti nell’alimento verde. E’ pur vero che nei paesi orientali le patologie cardivascolari sono diffuse in maniera molto scarsa. Ma del resto le alghe marine in sé sono un alimento molto importante per la nostra salute:  hanno proprietà disintossicanti, aiutano fegato e reni, favoriscono la digestione e l’ eliminazione di scorie tossiche. La presenza di acidi grassi, invece, fa si che le alghe svolgano una funzione antinfiammatoria, mentre gli antiossidanti permettono di eliminare i  radicali liberi. E ancora, le alghe aiutano l’organismo ad attivare le difese immunitarie, rafforzano le ossa, i capelli e le unghie.

Adriana Ruggeri