Salernitana, Lotito: “Oggi nasce il Salerno Calcio”

Salerno, nasce il Salerno Calcio -Momento storico a Salerno quest’oggi. Claudio Lotito e Marco Mezzaroma entrano nella società della Salernitana, della quale hanno rilevato il titolo sportivo battendo la concorrenza, tra gli altri, anche di Pietro Lo Monaco, oramai ex amministratore delegato del Catania Calcio. NewNotizie.it era presente per seguire in prima persona l’avvenimento con il proprio inviato Mario Petillo.

Il Primo cittadino apre – Apre la conferenza stampa dal Comune di Salerno il sindaco Vincenzo De Luca: per la prima volta un sindaco si preoccupa di emettere un bando per rilevare una società sportiva di recente fallita. La Salernitana, infatti, dopo aver mancato la promozione in Serie B, sarà costretta a ripartire dalla Serie D, con una nuova società, che oggi verrà presentata. “C’è disponibilità per la creazione di un centro sportivo completamente adibito all’attività sportiva: non ho avuto il piacere di vedere Formello, ma mi dicono che stiamo parlando di uno dei centri più belli d’Italia. Sia chiaro che la società decide tutto senza interferenza: si parla di una proprietà capace di lavorare con l’immagine e sicuramente interessata a sfruttare questa possibilità che Salerno dà. Ad oggi la legge impedisce l’utilizzo dei simboli in relazione alla curatela fallimentare: fatta la richiesta noi non avremo l’autorità per decidere. Detto questo a n deve interessare il progetto sportivo e non l’aspetto legato al marchio. Avere interlocutori come il Dottor Lotito e il Dottor Mezzaroma ci costringe ad avere degli atteggiamenti diversi, magari facendo venir il meno molti aspetti di cafoneria, e concentrarci esclusivamente sull’aspetto calcistico. La società si chiamerà Salerno Calcio: c’è la nostra città e il nostro nome va avanti dimostrando una città attiva e dinamica. La nostra città si sta lanciando verso il panorama nazionale: avremo tre maglie con la prima che richiama i colori civici di Salerno, che sono gli stessi del Barcellona (amaranto, blu e gialli col logo di San Matteo), le successive avranno un richiamo misurato di colore granata in maniera limitata a quanto concessoci dalla legge.

Parola a Lotito – Inizia Claudio Lotito, presidente della Lazio e da oggi facente parte del gruppo a capo del Salerno Calcio: “Ringrazio il sindaco che ha scelto il nostro progetto e la tifoseria per il modo in cui ci ha accolto. Il nostro interesse è che Salerno approdi nel calcio che conta, dapprima con la Lazio e poi autonomamente un ruolo principale nel calcio, per quello che rappresenta la città. Noi non facciamo proclami e ci preoccupiamo di lanciare questo grande programma, che prevede risorse economiche valide e con un sistema valido, che dia soddisfazione ai tifosi e che questi partecipino. Puntiamo al creare una rivista e una televisione locale per permettere a tutti di essere il dodicesimo uomo in campo. Ci preoccuperemo del settore giovanile non solo dall’aspetto fisico, ma anche da quello metale: l’individuo dev’essere un esempio e deve meritare il suo ruolo. L’assioma “più spendi più vinci” da noi non esiste. Con la Lazio ci sarà sinergia e non sudditanza. Questo pubblico, che è tra i più importanti di Italia, merita il nostro progetto: sarà un progetto quinquennale, col quale raggiungeremo i nostri obiettivi. Basandoci sul passato noi costruiremo il futuro per tornare a dire “Viva Salerno”.

Parla il Presidente – Prende infine la parola Marco Mezzaroma, marito di Mara Carfagna e nuovo presidente del Salerno Calcio: “Entro a Salerno per diversi motivi, il primo è sicuramente quello familiare. Ho conosciuto diversi salernitani e ho trovato persone cordiali e propositive. Persone che lavorano. E già possiamo parlare di un valore affettivo. Il secondo motivo è che Salerno rappresenta un’eccellenza per il Sud: un’amministrazione eccezionale, da dire in maniera oggettiva senza voler fare politica. A Salerno si può venire ad investire e si può trovare un ottimo ritorno. Il terzo motivo del mio investimento è perché lo faccio con una persona che apprezzo e che ha dimostrato di essere uno dei migliori manager di Italia, Claudio Lotito. ”

Novità anche per quanto riguarda l’aspetto dirigenziale: l’allenatore sarà Carlo Perrone, ex Valle del Giovenco e delle giovanili della Lazio, in particolar modo gli Allievi Nazionali.

Mario Petillo