Home Notizie di Calcio e Calciatori

Calciomercato Palermo: il PSG si fa avanti per Pastore

CONDIVIDI

Calciomercato Palermo – Come sottolineato più volte dal presidente rosanero Maurizio Zamparini, l’unico calciatore incedibile della rosa del Palermo è lo sloveno Ilicic. Pista libera dunque per le altre cessioni, e il gioiello più ambito della squadra siciliana è senza ombra di dubbio Javier Pastore. Il talento argentino, di ritorno dalla deludente spedizione della propria nazionale in Coppa America, ha suscitato l’interesse di mezza Europa e, nelle ultime ore, oltre al Chelsea di Villas Boas sembra esserci un prepotente inserimento del PSG. La società parigina, sotto il mandato del neo dirigente Leonardo, sarebbe pronta a sborsare i 40 milioni richiesti dal vulcanico presidente rosanero. L’offerta è senza dubbio allettante, ma il nuovo sceicco alla guida dei francesi dovrà però convincere il Flaco che sarebbe più propenso ad accettare un palcoscenico di maggior prestigio che può offrire senza dubbio una società come il Chelsea. Tuttavia, le risorse economiche del magnate Al Thani potrebbero far la differenza.

Chelsea alla finestra – Il Chelsea del potente Abramovic tuttavia non molla la presa. I tentennamenti però sono evidenti e sono dovuti alla priorità del club londinese che aspetta ormai da giorni di concludere la trattativa per il trequartista Luka Modric del Tottenham. L’accordo tra le due società inglesi però tarda ad arrivare ed ecco che la seconda scelta, l’argentino Pastore, torna in cima alla lista dei Blues. Il piano del Chelsea sarà quello di convincere il calciatore del Palermo per poi porre pressione nei confronti del club siciliano. Al contrario del PSG infatti, i londinesi otterrebbero facilmente il “si” del calciatore, vista la possibilità della vetrina Champions che possono offrire a differenza dei parigini. Nonostante le cifre siano fuori portata (almeno per il momento), il Milan (nel caso non arrivi Montolivo) e il Napoli (nel caso di una ormai improbabile partenza di Lavezzi o Hamsik) potrebbero inserirsi nella trattativa sul fotofinish.

Giuseppe Carotenuto