Ilary Blasi a Vanity Fair: Mi vergogno di quelle foto, avevo solo 18 anni

Ilary Blasi si confessa a Vanity Fair. ”Avevo da poco compiuto 18 anni. Ero reduce da Miss Italia e volevo sfruttare il momento. Mi proposero di posare a Lampedusa, dissi sì senza pensarci, non ci vedevo nulla di male”. Ilary Blasi si confessa a Vanity Fair, dichiarandosi pentita di un suo vecchio servizio fotografico (trovate le immagini nella fotogallery in fondo all’articolo) che il settimanale ha acquistato e deciso di pubblicare nel numero in edicola domani. A dare l’assenso alla pubblicazione è stata la stessa Ilary: ”Va bene, usatelo. Però – è stato l’avvertimento – per raccontare alle ragazze che tutte possiamo fare una cazzata, ma non sempre c’è il lieto fine”.

‘Quelle foto furono una fregatura’. ”In quel momento mi interessavano i soldi, e mi pagavano bene. Mi sembrava una buona occasione per comprarmi la macchina. Ma, col senno di poi, era una fregatura che a distanza può anche fare male”, dichiara la moglie di capitan Totti. Il motivo è presto detto: ”Usate in un altro contesto, e con malizia, immagini come quelle possono essere dannose. A 18 anni sei una ragazzina e ci si vuole sentirsi attraenti, desiderate. La seduzione è un’arma che bisogna imparare presto a manovrare con cura, c’è sempre il pericolo di lanciare un messaggio ambiguo”.

Le foto a Formentera. Oggi, sottolinea la Blasi, ”mi vergogno. Non avrei dovuto cedere al richiamo del denaro facile. D’istinto una vorrebbe cancellare le cazzate che ha fatto da ragazza. Invece è più giusto ricordarsi delle proprie debolezze: aiuta a crescere”. Discorso a parte meritano gli scatti che recentemente hanno mostrato la bella Ilary seminuda a Formentera: ”Sono rimasta male: quella è violenza – spiega la showgirl – Mi è stata tolta la possibilità di mostrarmi con il decoro che adotto sempre in pubblico. Ero inconsapevole di ciò che stava accadendo e non potevo difendermi: lo trovo grave, un colpo basso, e ci deve essere un limite”.