MotoGP, Dovizioso: “Credo ancora nel titolo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:37

MotoGp, il migliore dei nostri – Complici le enormi difficoltà di Rossi con la Ducati e gli innumerevoli zero del rivale Simoncelli, attualmente il migliore italiano nella classe regina è Andrea Dovizioso, sorridente, pacato ma dannatamente costante. Mai un errore di troppo o eccessivo rischio bensì infiniti piazzamenti a podio e non, in grado di portarlo addirittura terzo in classifica generale, dietro proprio a Stoner e Lorenzo. Motivi per sorridere quindi ve ne sono ed Andrea non nasconde la soddisfazione: “Abbiamo lavorato bene, sono soddisfatto della terza posizione, anche se cinquanta punti da recuperare sono troppi. Certo nulla è impossibile” La vetta è sì distante, ma non per questo non si può sognare.

Credo al titolo – “Voglio vedere il lato positivo” continua “Non ero mai stato così forte in tutte le gare come ho fatto quest’anno. Quindi sono molto contento del lavoro fatto dal team e del feeling con la moto, ma naturalmente, il nostro obiettivo è quello di lottare per il titolo e proprio ora non siamo abbastanza competitivi per impostare una strategia per farlo. In ogni caso, siamo in buona posizione in campionato e ci sono ancora otto gare da disputare, quindi dobbiamo crederci. Vedremo che risultato si otterrà alla fine” Per entrare davvero nella lotta all’iride Dovi dovrà necessariamente farà ancora un salto di qualità, conquistando finalmente la sua prima vittoria stagionale e battendo in pista i suoi collegi del paddock.

Livello alto – E’ lui stesso a sottolineare l’incredibile forza e competitività dei suoi avversari: “E’ molto difficile vincere perché il livello è molto alto. Lorenzo sta avendo una grande stagione, Casey è molto forte e Dani Pedrosa, quando è in buona forma, fa la differenza. Ma penso che la gara del Mugello di quest’anno sia un esempio di cosa posso fare. Abbiamo fatto il massimo con quello che potevamo ed avevamo, ma non è sufficiente perché vogliamo lottare per il campionato. Sulle piste a me favorevoli, come a Sepang in Malesia, potrò far bene” La sfida è lanciata e la voglia di dimostrare al mondo intero di essere davvero un campione è immensa. Già dalla prossima settimana a Brno potrà iniziare questa rincorsa, sostituendo finalmente le parole con i fatti in pista.

Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!