Anticipazioni Storie di donne: ospite Anna Oxa

In onda questa sera, mercoledì 10 agosto, in seconda serata. Questa sera, in seconda serata su Canale 5, andrà in onda il sesto appuntamento con “Storie di donne”, il programma che dà voce all’universo femminile e che tenta di raccontarlo attraverso le narrazioni di donne famose e donne comuni. Ciascuna tenterà quindi di raccontarsi senza filtri e soprattutto con assoluta sincerità. Le narrazioni spazieranno dai momenti felici e quelli più bui, entrando sempre di più nell’intimità e nella vita privata delle figure che hanno deciso di svelare al pubblico le loro debolezze , ma anche i loro punti di forza. La puntata che andrà in onda è quindi da seguire con la massima attenzione anche perché raccontarsi davanti ad una telecamera, sapendo che moltissima gente vedrà il programma, non è affatto facile, e proprio per questo, solo per il coraggio di intraprendere questa esperienza, ogni protagonista deve essere stimata.

Protagonista famosa della serata. Tra le protagoniste famose di questa nuova puntata vi sarà la cantante  Anna Oxa che dopo aver definito cosa è per lei la spiritualità svelerà al pubblico la sua infanzia . Il racconto intreccerà il doloroso ricordo della mancanza del padre, perso all’età di 8 anni, e il malessere vissuto a partire da sua madre. La Oxa , riferendosi alla madre, dice, infatti, che: “il suo dolore si è trasferito dentro di me, ho vissuto le sue problematiche, quelle dei miei fratelli per poi scoprire che anche mio padre aveva un lato fragile. Cercavo sempre mio padre negli altri. Sono stata anche io una mamma apprensiva poi sono diventata una guida; nei miei compagni ho cercato tutto quello che era mancante in me all’esterno, quando invece ho capito che era già tutto in me e che dovevo solo imparare a capire e conoscere cosa accade, non ho più avuto questi problemi”.

Altre protagoniste. Nella puntata in onda vi sarà spazio per la storia di Anna Rangelova, una giovane bulgara che nel 2007 è stata arrestata per traffico di stupefacenti. La giovane donna ricordando il momento più brutto e l’arresto dice: “sono arrivata e camminavo nel corridoio tutto buio, sentivo gli occhi che mi fissavano e mi dicevo dove sono caduta! Le pareti verdi chiaro non le dimenticherò mai, gli sgabelli fissati a terra con i chiodi, le sbarre dove potevi mettere solo fuori un dito… la prima notte ho pregato che domani mi sarei svegliata a casa  mia, che fosse tutto un sogno invece il giorno dopo ho visto che era tutto vero”. Anna porta sul piccolo schermo un racconto vera e dura  che non può che far riflettere. Ultima protagonista della serata è Katia Figini, una giovane trial runner. Da segretaria rinchiusa nelle ‘confortanti’ quattro mura dell’ufficio è passata ad essere una donna spericolata amante della corsa in mezzo ai desertici spazi sconfinati. Cosa porta a scelte così radicali? Con quale coraggio si può lasciare le comodità, gli affetti e il tram tram quotidiano per il nulla?

Alessandra Solmi