Esame sangue svela sesso feto a 7 settimane

Esame del sangue, sesso del feto a 7 settimane. Uno studio condottodal National Institutes of Health di Bethesda, potrebbe portare ad una mezza rivoluzione nel campo della scoperta del sesso del nascituro. Buone notizie per le coppie ansiose di conoscere il sesso del proprio figlio. Un esame del sangue infatti, sarebbe in grado di svelarlo a sette settimane dall’inizio della gravidanza. Attualmente in Italia è necessario aspettare la ventesima, in occasione dell’ecografia morfologica. In alternativa, si può utilizzare il metodo dell’amniocentesi, che però è più invasivo e può risultare rischioso per il feto.

Studio su 7000 donne. In realtà una serie di studi (circa 50), più che uno solo, hanno coinvolto ben 7000 donne in tutto.  La tecnica è semplice, si preleva il sangue della madre e si va alla ricerca del cromosoma maschile all’interno del dna del feto. Le ricerche, coordinate da Stephanie Devaney, pare abbiano dati risultati ottimi, soprattutto in termini di sicurezza. L’esame è infatti del tutto privo di componenti invasive ed il rischio quindi risulterebbe nullo sia per quanto riguarda il nascituro, sia per quanto riguarda la madre. Gli esiti delle ricerche sono stati pubblicati sul Journal of American Medical Association. Il test, che appunto è fattibile dalla settima settimana in poi, avrebbe già in quel momento una “sensibilità” che oltrepassa il 95%. Insomma, gioia anticipata per molti genitori.

A.S.