Calciomercato Napoli: De Laurentiis prepara il colpo Pepito Rossi

Calciomercato Napoli. Il Napoli sta per iniziare la stagione 2011/2012, che lo vedrà impegnato su più fronti. Le attese dei tifosi sono davvero grandi, visto che il presidente De Laurentiis ha forgiato una squadra che non ha niente da invidiare alle storiche grandi della Serie A. Il vulcanico patron del Napoli potrebbe però chiudere la campagna acquisti estiva con un ultimo colpo, che lancerebbe la formazione partenopea in cima alla classifica delle pretendenti al titolo 2011/2012: De Laurentiis vorrebbe acquistare Pepito Rossi del Villareal, l’attaccante inseguito anche da Barça e Juve, che potrebbe prendere il posto di Lavezzi, corteggiato da Man City, Inter e Malaga.

Arriva Pepito per il Pocho? – De Laurentiis ha capito che Lavezzi potrebbe lasciare Napoli in queste ultime settimane di calciomercato. Il Pocho potrebbe infatti cedere alle lusinghe del Man City, dell’Inter e del Malaga, le uniche squadre che possono permettersi di pagare la pesante clausola rescissoria di 31 Milioni di Euro, che è stata imposta dal patron azzurro per lasciarlo andare via. Il presidente partenopeo si starebbe così guardando in giro, e potrebbe chiamare il Villareal, per bloccare Pepito Rossi: De Laurentiis ha mandato pubblicamente dei messaggi di stima all’attaccante, e potrebbe sborsare quei 25/30 Milioni che il Sottomarino Giallo chiede per poterlo liberare.

Al via valzer di cessioni – In casa Napoli intanto si continua a lavorare sul fronte cessioni. Ci sono tanti giocatori che non rientrano più nei piani della società e di Mazzarri, ai quali deve essere trovata una sistemazione entro la fine del mercato. Il difensore Leandro Rinaudo potrebbe mettersi d’accordo nelle prossime ore con l’Atalanta, che è alla ricerca di un sostituto di Thomas Manfredini, squalificato dalla Commissione disciplinare della Figc per i fatti legati al calcioscommesse. Mariano Bogliacino potrebbe ritornare invece al Chievo, mentre Cigarini potrebbe finire all’Atalanta o al Palermo, che cerca un regista che gli permetta di ritornare al vecchio 4-3-1-2.

Simone Lo Iacono