Google compra Motorola per 12,5 miliardi di dollari in contanti

Google acquisterà la casa produttrice di cellulari Motorola per 12,5 miliardi di dollari in contanti. L’obiettivo dichiarato del gruppo di Mountain View è quello di sviluppare cellulari e tablet e difendere il suo sistema operativo per dispositivi mobili, Android, dagli attacchi anticoncorrenziali di Apple e Microsoft.
La quotazione prevede un premio del 63% rispetto all’ultima chiusura delle quotazioni Motorola e per gli esperti l’operazione di Google è un duro colpo alla Apple perché così passa direttamente su Iphone, tablet e sui sistemi operativi per telefonini raggirando gli altri colossi informatici.

L’accordo. Dal comunicato stampa ufficiale circolato ieri 15 agosto si apprende che “Google Inc. e Motorola Mobilità Holdings annunciano di aver stipulato un accordo definitivo in base al quale Google acquisirà Motorola per 40 dollari per azione in contanti, per un totale di circa 12,5 miliardi dollari, con un premio del 63% al prezzo rispetto alla chiusura di Motorola di venerdì scorso. L’operazione è stata approvata all’unanimità dai consigli di amministrazione delle due società”. “L’acquisizione di Motorola, già partner privilegiato per il sistema Android permetterà a Google aumentare la presenza del suo sistema operativo e migliorare la concorrenza nel mobile computing. Motorola rimarrà un licenziatario di Android e Android rimarrà un sistema open source aperto“.

Proteggere Android dalla concorrenza. Per Larry Page, Ad di Google, l’acquisto di Motorola difenderà Google e il suo sistema operativo per dispositivi mobili, Android, dalle “minacce anti concorrenziali” della Apple e di Microsoft. “L’acquisizione di Motorola aumenterà la competizione rafforzando il portafoglio di brevetti di Google, fatto che ci permetterà di proteggere meglio Android dalle minacce anti concorrenziali di Microsoft, Apple e altri gruppi”.
La combinazione di Google e Motorola – ha continuato Page – non solo migliorerà Android, ma rafforzerà anche la competizione e offrirà ai consumatori una maggiore innovazione, più scelta e meravigliose esperienze di uso“.

M.N.