Champions League, Udinese-Arsenal 1-2: friuliani retrocedono in Europa League

Udinese-Arsenal 1-2 – E’ durato poco il sogno Champions dell’Udinese che si arrende all’Arsenal nel doppio confronto europeo. I friuliani, dopo la scofitta per 1-0 sul campo londinese, escono battuti anche dalle mura amiche nonostante il momentaneo vantaggio siglato da Di Natale. Rimonta Gunners firmata dalle reti di Van Persie e di Walcott, autore di due gol tra andata e ritorno. I bianconeri retrocedono dunque in Europa League al termine di due ottime prestazioni contro un avversario più blasonato, mentre l’Arsenal si qualifica per la fase a gironi della Champions League posizionandosi nella prima fascia del sorteggio a discapito del Milan.

Di Natale illude il Friuli – Le due squadre partono sulla falsa riga della gara d’andata con l’Udinese leggermente più sbilanciata nel tentativo di recuperare dallo svantaggio minimo subito all’Emirates Stadium. Subito vicinissimo al gol il capitano Di Natale che servito da un traversone rasoterra di Isla viene fermato solamente dal palo. L’Udinese però lascia ampi spazi agli uomini di Wenger che sfiorano il vantaggio in diverse occasioni grazie all’arma micidiale del contropiede. La partita però la fanno i friuliani e al 39′ è il solito Di Natale a rimettere le cose a posto: cross al bacio di Pinzi e pallonetto di testa che si infila alla sinistra del portiere londinese. 1-0 per i bianconeri e parità ristabilita già nei primi 45 minuti di gioco.

L’Udinese crolla nella ripresa – Nel secondo tempo scende in campo un Arsenal trasformato dalle direttive di Wenger. I padroni di casa sembrano perdere la concentrazione e lo smalto necessario per affrontare a viso aperto gli avversari, e nel giro di pochi minuti vengono messi al tappeto dai londinesi. A portare il punteggio sull’1-1 ci pensa Van Persie al 55′ che finalizza nel migliore dei modi un’azione solitaria di Gervinho. Pochi minuti dopo l’Udinese ha la possibilità di rimettersi in carreggiata, ma Di Natale fallisce clamorosamente un calcio di rigore facendosi ipnotizzare da Szczesny. Il colpo di grazia arriva al 69′ con Walcott che sfugge alle marcature avversarie e deposita in rete il definitivo 1-2. Per i friuliani, la magra consolazione di uscire a testa alta dalla massima competizione europea.

Giuseppe Carotenuto