Vendesi fontana di Piazza Esedra: rivolgersi a Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi – Vittorio Sgarbi ha dimostrato di avere un buon senso dell’umorismo e molta pazienza. Per quanto riguarda quest’ultima non se l’aspettava proprio nessuno, o quasi. Qualche simpaticone ha avuto l’idea di mettere un bel cartello accanto alla Fontana delle Naiadi di Piazza della Repubblica, sul quale, insieme ad una ben in vista scritta “Vendesi”, era specificato il fatto che per comperare la celebre fontana bisognava chiamare l’ “Agenzia Monumenti Perduti”. Peccato che i numeri nel cartello non fossero di una fantomatica agenzia, ma del ben noto critico d’arte e casanova Vittorio Sgarbi, che, piuttosto che andare per vie legali, ha avuto l’intelligenza di farsi una risata.

Uno scherzo – Si è trattato di uno scherzo simpatico e ben riuscito. Viene da chiedersi, ora, chi siano i burloni che hanno pensato e messo in atto una trovata simile. Altresì, ci si domanda chi possa aver pensato anche solo per un attimo che l’enorme fontana in Piazza Esedra potesse essere messa in vendita. È lecito chiedersi, a conti fatti, anche cosa avrebbe potuto farsene un qualsiasi cittadino di una fontana. Fatto sta che il povero Vittorio Sgarbi è stato letteralmente sommerso di telefonate. Conoscendo la proverbiale irascibilità del critico è facile immaginare con quali toni sia stato spiegato ai plausibili acquirenti che la Fontana delle Naiadi non fosse in vendita.

Niente denunce – Gli Agenti di Vittorio Sgarbi gli hanno proposto di denunciare chi si è divertito a sue spese, ma il celebre critico ha spiazzato tutti sfoggiando un encomiabile senso dell’umorismo: «E’ chiaro che si tratta solo di una trovata divertente.», ha detto Vittorio Sgarbi: « Non ho quindi nessuna intenzione di perseguire gli spiritosi attacchini.». Divertente e ben riuscito, lo scherzo ai danni dell’esperto d’arte ha regalato un sorriso a molti: che ci sia da aspettarsi che gli “spiritosi attacchini” colpiscano ancora?

M.C.