MotoGP, Dovi e il Sic cercano il riscatto

MotoGP, si volta pagina – Oltre alla terribile prestazioni di Rossi e Ducati, anche per quanto riguarda i nostri Simoncelli e Dovizioso la trasferta americana è stata amara ed avara di risultati. Il nuovo manto dell’asfalto alla fine non è riuscito a migliorare il grip, condizione terribile per le gomme Bridgestone clamorosamente finite già dopo pochi giri. Solo Honda e Yamaha sono riuscite ad arginare il problema, eppure i due piloti italiani hanno sofferto molto di più il consumo gomme rispetto ai loro stessi compagni di squadra. Il più in crisi è stato senza ombra il Sic: “Ad Indianapolis è stata dura e difficile. Nel corso del warm up mi ero illuso ma era un fuoco di paglia perché il maggior feeling era dovuto alla temperatura più bassa dell’asfalto

Gara di casa – Una speranza poi prontamente vanificata “…in gara. Con la temperatura dell’asfalto ad oltre 50° è stato un vero disastro. Mi sono divertito per soli cinque giri ma è stato veramente poco. Peccato, avrò modo di rifarmi già a Misano divertendomi per tutta la gara che spero disputare come i primi cinque giri di Indy, questo è il mio obiettivo e vorrei farlo per me ma soprattutto per i miei tifosi. Misano non mi ha mai regalato grandi gioie ma nella vita c’è sempre una prima volta. Sicuramente il circuito non è tra i miei favoriti ma le motivazioni saranno tante e darò il massimo di me stesso. Casa mia è a pochi chilometri e l’atmosfera sarà fondamentale per darmi la giusta carica” Si corre praticamente a casa e l’obbiettivo è cogliere il secondo podio stagionale, magari lottando alla pari con i migliori.

Sopravanzare Lorenzo – Stesso identico discorso per Dovizioso, mai in grado di tenere il passo di Pedrosa e Stoner domenica scorsa ma sicuro di riscattarsi qui in Italia: “Arriviamo a Misano dopo un risultato deludente, ma voglio girare pagina e trasformare questa esperienza in motivazione. La gara di Indy è stata molto impegnativa ma siamo riusciti a fare il giro rapido all’ ultimo giro. Questo dimostra che siamo veloci e che saremo ancor più competitivi a Misano. Continueremo a lottare e a dare il meglio ogni domenica. La seconda posizione nel mondiale non è impossibile per cui il nostro obiettivo è tornare sul podio e guadagnare qualche punto a Lorenzo. Dopo il podio del Mugello, punto a un altro bel risultato davanti al pubblico italiano” Il valore del nostro motociclismo è in mano a loro due. Una grande responsabilità, ma il talento non manca di certo.

Riccardo Cangini