Virus del vaiolo blocca crescita dei tumori

Virus del vaiolo contro i tumori. I ricercatori dell’università di Ottawa hanno sperimentato un nuovo metodo  per bloccare la crescita dei tumori, anche quelli in fase avanzata e già ampiamente diffusi. La ricerca, pubblicata sull’autorevole rivista scientifica Nature, ha dimostrato la possibilità di combattere le cellule cancerose attraverso l’innesto di un virus derivato da quello del vaiolo. Il virus non viene iniettato direttamente nelle cellule malate, bensì, più semplicemente, nell’apparato circolatorio. Questo perchè il JX-594, questo il nome del virus “buono”, avrebbe la capacità di moltiplicarsi selettivamente, aggredendo proprio le cellule tumorali e lasciando pressochè intatte quelle sane.

Poche controindicazioni e molti vantaggi. A spiegare i risultati della ricerca è stato John Bell, coordinatore dell’esperimento. Nel 87% dei 23 pazienti coinvolti nello studio, tutti affetti da tumori diffusi, il virus si è “autoriprodotto” all’interno delle cellule malate, intaccando a malapena quelle sane. Nel 75% dei casi, la progressione della malattia ha subìto un rallentamento. Pochissimi gli effetti collaterali, assimilabili ad una semplice influenza, guaribile in poche ore. Inoltre il ceppo di virus iniettato nei pazienti soggetti ad esperimento è stato modificato dai ricercatori in modo da divenire ancora più aggressivo. Ed è proprio questo un altro dei vantaggi che gli specialisti di Ottawa avrebbero riscontrato. Il Jx-594 sarebbe facilmente manipolabile, questo permetterebbe di “adattare” le proprietà del virus a seconda dell’esigenze dei pazienti, arrivando così’ ad una sorta di personalizzazione della cura.

A.S.