Manovra: Cigl conferma lo sciopero generale. Molti i disagi previsti

Roma Sciopero generale contro la Finanziaria. Nella scuola aderiscono anche i sindacati di base: scrutini in forse. Bus, tram e metro si fermeranno con orari diversi da città a città. Rispettate le fasce di garanzia.

Sciopero generale – Nelle scorse settimane la Cigl aveva già annunciato lo sciopero generale, dopo l’ultimo strappo della maggioranza sull’articolo 18 la tensione sale alle stelle.
Susanna Camusso ha definito la manovra come “profondamente iniqua perché scarica tutto sul lavoro pubblico, sui pensionati, sui servizi ai cittadini“. E quindi una manovra “socialmente insopportabile“.
Domani i lavoratori di tutte le categorie sciopereranno per otto ore . Previsti oltre cento cortei in tutta Italia, con la Camusso che concluderà la manifestazione a Roma.  Lo sciopero è condiviso e appoggiato dall’opposizione, Idv e Sel in primis, ma non vede la partecipazione di Cisl e Uil.

I possibili disagi – Nella giornata di domani a rischio saranno soprattutto i trasporti.
Per quanto riguarda gli aerei, piloti, assistenti di volo e personale di terra delle diverse compagnie si fermeranno dalle 10 alle 18, saranno molti quindi i voli cancellati.
Macchinisti, impiegati delle pulizie e della ristorazione a bordo dei treni si resteranno fermi dalle 9 alle 17. Disagi maggiori invece sul fronte del trasporto ferroviario locale anche se saranno rispettate le fasce di garanzia.
Lo stop di tram, metro e bus si svolgerà in modalità differente da città a città, ma sempre nel rispetto delle fasce di garanzia.
Le partenze di navi e traghetti saranno ritardate di otto ore rispetto all’orario previsto. Autisti di camion e personale Anas si asterranno dal lavoro per l’intera giornata.
Lo sciopero di domani coinvolgerà anche i sindacati di base del pubblico impiego. Un problema nelle scuole superiori, dove i docenti sono impegnati nelle valutazioni dei recuperi estivi.

Matteo Oliviero