Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Cronaca: Ultime Notizie di Cronaca

Casa e salute si possono trovare anche su Facebook

CONDIVIDI

Facebook, il social network più utilizzato del web, oltre a consentire ai suoi utenti di coltivare relazioni interpersonali da un capo all’altro del mondo, diventerà presto anche un utile supporto per chi ha problemi psicologici di diversa natura. E’ nato, infatti, lo psicologo 2.0 : ansia, fobie, relazione di coppia, insonnia, mobbing, disturbi alimentari, grazie all’iniziativa di «ascolto gratuito e orientamento per i navigatori che hanno perso la bussola» del Servizio italiano di psicologia online (Sipo), non saranno più un argomento tabù, ma sarà possibile chiarire ed affrontare questi temi attraverso gruppi di discussione creati ad hoc sul social network.

Uno sportello per gli utenti – La Sipo inaugurerà il 15 settembre uno ‘sportello virtuale’ a disposizione degli utenti di Facebook che si trovano in difficoltà psicologiche e relazionali. Il servizio, inizialmente riservato agli utenti di maggiore età, sarà fruibile gratuitamente due serate a settimana, dalle ore 21 alle ore 22.30, durante le quali i collaboratori del Sipo metteranno a disposizione la propria competenza. Sarà possibile prenotare un appuntamento collegandosi al sito psicologi-online.it, per verificare la disponibilità degli orari, ed inviare un messaggio al profilo Facebook ‘Sipo sportello di ascolto’. I promotori del servizio intendono offrire «un’opportunità per informarsi su quesiti psicologici, per confrontarsi con i vissuti degli altri utenti e, se necessario, parlare via webcam con uno psicologo iscritto all’albo professionale, esperto in consulenza psicologica a distanza». «Le problematiche delle persone – afferma Matteo Radavelli, uno dei responsabili del progetto – sono spesso legate alla comunicazione e alle relazioni con chi le circonda. In un momento in cui entrambi questi fattori si evolvono a grande velocità, è compito e dovere degli psicologi presidiarli e fare sentire la nostra voce attraverso questi nuovi strumenti».

Ricerche di immobili su Facebook – Ma Facebook è anche altro: una ricerca effettuata da Immobiliare.it ha evidenziato che circa un milione di italiani, nella ricerca di un appartamento in vendita o in affitto, anziché affidarsi ad operatori specializzati, preferisce iniziare la propria indagine attraverso il social network. «Chi cerca casa partendo da Facebook – ha commentato Carlo Giordano, AD di Gruppo Immobiliare.it – ha un approccio molto diverso rispetto a chi lo fa sui portali immobiliari. Si tratta di persone che, di fatto, portano online il consueto modello del passaparola o la ricerca attraverso la propria cerchia di conoscenze».

Francesca Theodosiu