E se la Dandini alla fine dicesse:non parlate più con me!

Dandini, Rai. Continua la querelle legata al rinnovo del contratto con la Rai di Serena Dandini e della squadra di Parla con me. Attualmente il motivo del contendere è il previsto taglio degli autori del programma, ad oggi sono quattordici, considerati troppi dall’azienda. Tutto questo a ridosso della nuova stagione televisiva che, viste le attuali lentezze, rischia di perdere uno dei programmi più innovativi e di successo dell’intero panorama mediatico italiano. Nello specifico la questione riguarderebbe una regola interna dell’azienda pubblica che prevede che tutti i programmi i cui diritti sono al 100% della Rai, e Parla con me pur prodotto dallla società Fandango lo è, debbano utilizzare risorse professionali interne. Questo naturalemente implicherebbe una rivoluzione nel gruppo autoriale dell’artista romana che di fatto rischierebbe di snaturare il programma a poche settimane dalla sua messa in onda.

Lei, Fandango. Nel mezzo della contesa prova ad intervenire la mediazione del direttore generale Lorenza Lei, mentre la Fandango annuncia di non aver ricevuto alcuna comunicazione riguardante il taglio del budget al programma. A tutto questo caos si aggiungono anche i rumors che danno la Dandini sempre più prossima a firmare con La7 seguendo l’esempio della coppia Fazio e Saviano che sulla tv di proprietà della Telecom riproporranno il fortunatissimo Vieni via con me. Ovviamente visti i motivi del contendere e la lentezza con cui si cerca di sbloccare la situazione viene il sospetto che la Rai non si strapperebbe i capelli in caso di cancellazione di Parla con me. Sono in molti, d’altra parte, a tenere famiglia.

Simone Ranucci