Home Lifestyle Salute

Gravidanza: l’ibuprofene raddoppia il rischio di aborto

CONDIVIDI

Ibuprofene, rischio aborto. L’ibuprofene e la gravidanza non vanno d’accordo. Il farmaco infatti, uno dei principi attivi più comuni negli analgesici, puo’ raddoppiare il rischio di aborto. Lo conferma uno studio eseguito dall’Università di Monterale e pubblicato sul Canadian Medical Association Journal, il quale sostiene sia più sicuro assumere il paracetamolo contro raffreddori o semplici infiammazioni e che, in generale, le donne in gravidanza non devono assumere farmaci da banco.

Rischio maggiore con il Diclofenac. Lo studio ha coinvolto 4.700 donne che avevano abortito: di queste, 1 su 13 aveva preso un antinfiammatorio non-steroideo, come l’ibuprofene, mentre 1 su 38 aveva avuto una gravidanza normale. Già precedenti ricerche avevano suggerito che l’uso di ibuprofene e analgesici simili nelle prime fasi di gravidanza potessero aumentare il rischio di anomalie alla nascita. ”Questi farmaci dovrebbero essere usati – ha affermato Janet Fyle, del Royal College of Midwives – con attenzione durante la gestazione”. Nella ricerca, il rischio più alto di aborti registrato si è verificato con il diclofenac, un potente analgesico ed antinfiammatorio. Si sconsigliano questo tipo di farmaci in quanto, oltre al rischio di aborto, possono provocare malformazioni, o nel peggiore dei casi, disfunzioni nell’apparato circolatorio del feto, disfunzioni che possono compromettere l’intera gravidanza.

Adriana Ruggeri

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram