Alitosi, si combatte con le e-mail anonime

Una mail che segnala l’alitosi. Sono in molti coloro che soffrono di alitosi e che non trovano un rimedio efficace per combattere l’alito cattivo. Arriva ora un servizio anonimo, anche via e-mail, per mettere in guardia dall’alito pesante. L’idea arriva dall’ABHA, un’associazione brasiliana che si occupa di questo fastidioso “problema” e che ha attivato un particolare servizio. Attraverso una comunicazione via web da parte dell’ABHA,  i colleghi e gli amici comunicherebbero all’interessato, anonimamente e senza imbarazzo, che il suo alito risulta insopportabile.

Garantito l’anonimato. Al fine di segnalare il disturbo a chi ne soffre, aiutando a risolverlo, l’ABHA ha attivato un indirizzo mail a cui esporre il problema (la segnalazione può essere fatta anche tramite lettera cartacea). Secondo l’associazione, questa iniziativa non potrà certo risolvere da sola il problema dell’alitosi, ma aiuterà chi ne soffre ad esserne consapevole e solleverà gli altri dall’imbarazzo di doverglielo comunicare personalmente.

Un disturbo per il 50% della popolazione mondiale. L’alitosi è un disturbo che colpisce quasi la metà della popolazione mondiale. Può avere cause diverse: dipendere da diverse malattie, come calcoli tonsillari, patologie polmonari, diabete, infiammazioni gastro-intestinali, ecc oppure derivare da una cattiva igiene orale. Alcuni tipi di questo disturbo non sono curabili e pertanto, comportano, per chi ne soffre, diversi problemi, soprattutto a livello di rapporti sociali e autostima.
Adriana Ruggeri