Home Sport

Ciclismo: Anna Mei, un record del mondo per aiutare il piccolo Mattia

CONDIVIDI

Ciclismo, Anna Mei: record del mondo per beneficenza. Si erano conosciuti nel 2009, quando durante un evento benefico Anna Mei aiutò, attraverso una delle sue straordinarie performance sportive l’associazione che si stava occupando di sostenere  Mattia Inverni. Il bimbo affetto è affetto da una malattia molto rara, la Epidermolisi Bollosa. I bambini soggetti a questa patologia, di natura genetica, sono chiamati anche “bambini farfalla” a causa della fragilità della loro pelle. La malattia, di cui esistono due varianti di gravità differente, provoca infatti il distacco sia dell’epidermide che del derma, il quale causa continuee lesioni cutanee e conseguentemente dolore, infezioni e perdita di liquidi.  Sarà anche per Mattia che l’ultra atleta Anna Mei,  tra sabato e domenica prossima, tenterà di battere l’attuale record del mondo di chilometri percorsi in bicicletta in una 24 ore non stop.

L’impresa. L’attuale record appartiene Seana Hogan che, nel maggio del  1993,  percorse nel tempo previsto 427.86 miglia, alla velocita media di  17.83 mph/h. Ovvero, circa 690 km, ad una velocità media di quasi 29 km/h. La Mei cercherà di superare il primato della Hogan sfondando la barriera dei 700km. “La ragazza è un trattore” , ci dice al telefono Alfredo Orioli organizzatore dell’evento e da anni collaboratore dell’ultra-ciclista. Lei -continua – è specializzata nelle 24 ore, praticamente fa solo quelle ed è estremamente determinata, oltre che preparatissima fisicamente. Già, e chi potrebbe smentirlo. Pedalare per 24 ore filate, fermandosi solo per i necessari bisogni fisiologici è impresa davvero alla portata di pochi.

Lo sponsor solidale.  I fondi per sostenere la famiglia di Mattia e contestualmente un progetto di ricerca medica ad hoc guidato dal Prof. Michele De Luca verranno raccolti attraverso un meccanismo di sponsorizzazione piuttosto particolare. “Le aziende che decideranno di sostenerci – spiega ancora Orioli – verseranno una cifra minima di 1 euro per ogni chilometro percorso da Anna durante la 24h”. Dovesse percorrerne esattamente 700, a puro titolo di  esempio, chi decidesse di versare 2 euro a km, donerà alla causa 1400 euro.   “E’ un’idea originale che ci è venuta per rendere più partecipi gli sponsor“. Donazioni verranno raccolte in tempo reale anche per tutta la durata dell’evento che si svolgerà tra il 10 e l’11 settembre nel velodromo do Busto Garolfo (Mi). L’evento sarà seguito in diretta da Sky (canale 898) ed il tentativo di record sarà valido sia per il guinness dei primati che per la UMCA la federazione internazionale dell’Ultra-Cycling.

A.S.