Giustizia, il Csm boccia il processo lungo. Avrebbe effetto dirompente

ULTIMO AGGIORNAMENTO 7:34

Roma – Csm: “Il processo lungo avrà un effetto dirompente sul sistema Giustizia“. “Il ddl Lussana, approvado dal Senato a fine luglio, legittimando le più varie tattiche dilatorie da parte degli imputati avrà la capacità di rallentare a dismisura la durata di tutti i procedimenti in corso“.

Il parere del Csm – I consiglieri del Csm bocciano senza mezzi termini il ddl sul cosiddetto processo lungo, denunciano anche l’incostituzionalità del provvedimento: “L’intervento proposto si muove in direzione opposta a quella prescritta dall’articolo 111 della Costituzione, il quale impone la ragionevole durata del processo. E, dirompente in quanto viene dilatata la durata dei processi e quelle di riduzione dei termini di prescrizione”.
Nella nota emessa dal Csm si evidenzia come l’obiettivo del ddl sia quello di “affidare alle parti la dinamica processuale, privando il giudice della possibilità di gestire l’andamento del processo in funzione di un accertamento processuale che si svolga secondo i canoni costituzionali della ragionevole durata. La mancanza di un preventivo vaglio sulla rilevanza e superfluità delle prove richieste dalle parti potrebbe determinare effetti paradossali, le cui conseguenze si rivelerebbero assai negativamente sui già dilatati tempi dell’accertamento processuale nei vari gradi di giudizio. Una norma che  appare quindi agevolare  l’abuso del processo e legittimare le più varie tattiche dilatorie“.
Contraddittoria ed irrazionale una norma che da un lato consente l’acquisizione delle sentenze irrevocabili ai fini della prova dei fatti accertati, e dall’altro impone di svolgere nuovamente un’istruttoria sugli stessi fatti, solo che l’imputato lo chieda. L’assenza di un adeguato filtro selettivo da parte del giudice non potrebbe che determinare un ulteriore abnorme allungamento dei tempi del dibattimento“.

Matteo Oliviero

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!