Juventus, presentato il nuovo stadio

Lo Juventus Stadium – Si chiama Juventus Stadium, per ora, ed è stato presentato ufficialmente stasera, tra il marasma di una città in festa quale Torino. Un passo importante per tutto il calcio italiano che scopre finalmente cosa significa avere uno stadio di proprietà: un miraggio che inseguono da tempo anche Riccardo Garrone, presidente della Sampdoria, e Massimo Cellino, presidente del Cagliari, che trovano però ostacoli nelle disposizioni comunali. Stasera però per Andrea Agnelli e per l’intera famiglia da sempre proprietaria della Juventus, la festa è dinanzi ai suoi tifosi.

Gli scudetti ci sono tutti… – Lo speaker annuncia 29 scudetti, due in più di quelli sulla carta essendo stati revocati quelli del 2006 e del 2007: dopo 114 anni, dice Agnelli, la Juventus ha finalmente la sua casa, abbandonando l’Olimpico, che resterà ora prerogativa solo del Torino. Alla festa partecipano tutte le glorie del passato e del presente, partendo da Alessandro Del Piero, capitano indiscusso dal quale ogni anno ci si aspetta una sorpresa diversa, come ha detto anche Elkann in esclusiva a Rai1. Insieme a lui continua la sfilata insieme con Antonio Conte, chiamato da quest’anno a riempire d’orgoglio il nuovo complesso bianconero: tocca poi a Edgar Davids, acclamato come non mai, e Marcello Lippi, per il quale il boato è incredibilmente forte e ricorda tanto la vittoria dei Mondiali nel 2006 e i numerosi scudetti della Vecchia Signora.

…e anche le prospettive – Non mancano nemmeno Cabrini, Ravanelli, Montero, Pessotto, Ferrara, Capello e i volti di oggi come Buffon. Tutto organizzato sulla scenografia di Marco Balich, presidente di K-Events già autore delle Olimpiadi del 2006 a Torino. Un evento che poggia le proprie basi su delle grandi fondamenta, i 114 anni di storia, e un grande futuro: il primo stadio di proprietà in Italia.

Mario Petillo