Mansuetudine o determinazione? Lascia parlare le tue dita

Lascia parlare le tue dita Indice e anulare: sono loro i protagonisti. Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista scientifica americana Proceedings of the National Academy of Sciences, esisterebbe una relazione tra la lunghezza del dito indice e dell’anulare che spiegherebbe talune predisposizioni piuttosto che altre, influenzando di conseguenza, in maniera più o meno significativa, certe tendenze caratteriali nell’uomo e nella donna. Il rapporto tra le due dita, in poche parole rifletterebbe la dominanza di ormoni maschili o femminili nelle fasi cruciali dello sviluppo. Quanti di voi ora si stanno fissando le mani?

La spiegazione scientifica – Secondo lo studio, una spiccata presenza di ormoni maschili (androgeni) determina una maggiore crescita dell’anulare rispetto all’indice e viceversa. Questo equivale a dire che un uomo con l’anulare più corto dell’indice presenterà un carattere meno aggressivo e più mansueto, dovuta ad una minore presenza di androgeni. Al contrario, nella donna l’anulare più lungo indica maggiore determinazione e caparbietà.

Quando però c’è da preoccuparsi – Tuttavia nella ricerca effettuata si parla anche di aspetti negativi: il rapporto esistente tra la misura di indice e anulare rivelerebbe anche potenziali disturbi fisici, come ad esempio quelli relativi al sistema endocrino, oppure addirittura una maggiore esposizione al rischio di avere determinati tipi di tumori.

C. T.