Roma, colto da un raptus uccide la madre a colpi di bilancia

Tragedia familiare questa mattina a Roma. Nella città capitolina un uomo ha ucciso la propria madre colpendola violentemente alla testa con una bilancia.
Le forze dell’ordine accorse sul posto hanno tratto in arresto l’omicida, che non ha opposto alcuna resistenza agli agenti della Polizia. Le indagini per ricostruire quanto accaduto sono già iniziate.

Forse un raptus – La polizia del commissariato Aurelio e la Squadra mobile stanno cercando di capire quali siano potute essere le motivazioni che hanno portato un uomo di 32 anni a uccidere la madre di 69, scagliandosi contro quest’ultima con una bilancia in mano.
Per la donna non c’è stato nulla da fare: all’arrivo degli agenti era già deceduta.
A informare le forze dell’ordine sarebbe stato prima un amico dell’omicida venuto a conoscenza della tragedia e poi lo stesso assassino. Dai primi rilievi l’ipotesi più caldeggiata è quella che vede in un raptus di follia l’origine del delitto. L’uomo, infatti, nel proprio passato avrebbe sofferto di disturbi psichici.
La tragedia ha avuto luogo in via Sisto IV, nei pressi del Policlinico Gemelli.

S. O.