Rugby, Mondiali: l’Italia crolla nella ripresa e va ko con l’Australia

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:25

Rugby, Mondiali – Serviva l’impresa. L’impegno che apriva i Mondiali di rugby per la nazionale italiana era quantomeno proibitivo. C’era da affrontare la fortissima Australia, una delle nazionale maggiormente quotate per la conquista del titolo di campione del mondo. Il pronostico è stato rispettato, con i “Wallalbies” che hanno vinto 32-6. Però l’Italia è stata alla pari dei forti avversari per un tempo: la prima metà di gioco, infatti, si era chiusa sul 6-6. Poi, nella ripresa, è uscita la maggiore caratura degli avversari che, unita alla stanchezza di un XV azzurro che aveva dato il massimo, ha permesso all’Australia di andare in meta ben 4 volte e di prendere il largo.

La partita – Inizio sottotono per gli australiani che sembrano non spingere troppo il piede sull’acceleratore. Anzi, sono gli azzurri che vanno vicini alla meta con Masi che, però, viene raggiunto dai velocissimi avversari. Al minuto 17, Mirko Bergamasco ha l’opportunità di portare avanti l’Italia: il calcio dell’ala azzurra è, però, cortissimo e non arriva nemmeno ai pali. Quando Cooper mette a segno due calci, sembra iniziare il monologo australiano. Ma così non è: Mirko Bergamasco ritrova precisione e potenza e regala il pareggio all’Italia. Si chiude, così, il primo tempo.
La ripresa, però, è un dominio gialloverde: 4 mete (di cui 3 trasformate) segnate nell’ordine da Alexander, Cooper, O’Connor e Ioane (spettacolare la sua fuga) spaccano in due la partita e tramortiscono gli azzurri. La partita si chiude così sul 32-6 per l’Australia. Ma l’Italia sa da dove ripartire: da un primo tempo giocando a buoni ritmi e con tanta, tantissima grinta. E’ ciò che servirà per raggiungere il sogno quarti di finale.

Edoardo Cozza