Serie A: top e flop della 2a giornata

Serie A, top e flop- Riparte il campionato di Serie A e non mancano le sorprese: l’Inter di Gasperini viene travolta dal Palermo di Mangia in un rocambolesco 4-3 che premia la maggior freschezza dei rosanero; la Roma di Luis Enrique desta ancora molti dubbi dopo la sconfitta interna per 1-2 ad opera del Cagliari di Ficcadenti; il Milan impatta 2-2 in casa contro una Lazio che con la coppia gol Klose-Cissè farà molto male a chiunque in campionato. La nuova Juventus di Conte dopo il 4-1 rifilato al Parma sembra essere tornata la “Vecchia Signora” che tutti i tifosi bianconeri aspettavano. Bene anche la Fiorentina che con il ritorno al gol di Gilardino si sbarazza del Bologna per 2-0.

I top di Newnotizie- Sul podio dei top di Newnotizie troviamo al primo posto Andrea Pirlo: l’ex regista rossonero è il vero faro di questa nuova Juve, dispensando assist a destra e a manca. Conte sicuramente non potrà fare a meno di lui per il futuro. Al secondo posto c’è Fabrizio Miccoli: il Romario del salento prende per mano una squadra che alla vigilia, con l’esonero prematuro di Pioli, sembrava allo sbaraglio e con varie giocate, condite dai due gol, regala al Palermo una vittoria importantissima. Al terzo posto troviamo Maxi Moralez: il talentuoso argentino, voluto da Marino all’Atalanta, sorprende tutti con una doppietta che regala ai bergamaschi un punto preziosissimo a Genova in vista della dura risalita dei nerazzurri dal -6 in classifica.

I flop di Newnotizie- Sul podio dei flop di Newnotizie troviamo al primo posto Yohan Benalouane: il difensore francese del Cesena ne combina di tutti i colori, dimenticandosi prima di Lavezzi su una rimessa laterale concedendo al Pocho la possibilità di portare il Napoli in vantaggio e, nella ripresa, ingenuamente colpisce il pallone con la mano beccandosi la seconda ammonizione che costa cara alla sua squadra. Al secondo posto si piazza Alessandro Nesta: il difensore rossonero trascorre 20 minuti di panico quando prima Klose e poi Cissè gli fanno rivivere quel primo tempo disastroso che aveva disputato ai tempi della Lazio contro la Roma di Montella. Terzo posto per Valter Birsa: il talentuoso sloveno parte dalla panchina a causa della non brillante condizione fisica e, quando Malesani decide di chiamarlo in causa, lui risponde con un fallaccio da dietro che gli costa l’espulsione dopo pochi minuti dall’esordio in campionato con il Genoa.

Antonio Pellegrino