Salute: per gli italiani è al primo posto

Viver bene e in salute. Attenti al benessere e alla salute. Oltre l’80 % degli italiani tra i 35 e i 54 anni d’età mettono al primo posto uno stile di vita sano, prioritario rispetto a tutto il resto (dopo la famiglia). Lo rende noto un’indagine commissionata ad Ispo dal gruppo farmaceutico AstraZeneca i cui primi risultati sono stati presentati ieri nel corso della 1^ edizione dell’Osservatorio Salute promosso a Milano. La salute quindi prima di tutto, ma senza sacrifici esagerati. Molti coloro che si affidano solo alle pratiche mediche tradizionali (30%) e coloro che sono tradizionalisti ma aperti al nuovo (13%), mentre tra i giovani emerge invece un grande interesse verso le tecniche di cura più innovative (16%) o new agers (7%). Non mancano poi coloro che pensano allo “star bene” solo quando si ammalano (27%) e gli olistici (7%), pionieri di uno stile di vita sano a tutto tondo.

Importante la serenità e l’armonia. L’indagine periodicamente misurerà il rapporto fra italiani e cultura della salute secondo un “Indice di attenzione verso la salute” chiamato Ias. Dai risultati è emerso un dato importante: per gli italiani star bene non significa solo non avere malattie, ma la salute è fatta anche di serenità interiore. E’ importante l’armonia in famiglia, l’amicizia, l’amore e il sentirsi in pace per ciò che si fa. L’indagine ha evidenziato che in tal senso “si sente bene circa l’80 % dei connazionali: sette su 10 pensano positivo e promuovono la loro vita in generale, anche se nel quotidiano gli italiani accusano lo stress, e appena 3 su 10 sono soddisfatti della propria situazione economica e del tempo da dedicare a se stessi”. Maggiore attenzione all’attività sportiva soprattutto che sia continuativa, e un buon interesse verso l’alimentazione, che sia sana ed equilibrata.

Adriana Ruggeri