Elezioni Danimarca: vince il centrosinistra. Helle Thorning-Schmidt sarà il nuovo premier

Elezioni Danimarca. La Danimarca ha deciso di operare un netto taglio col suo recente passato politico. Le elezioni per il rinnovo del parlamento danese hanno visto la vittoria della coalizione di centrosinistra. Coalizione di centrosinistra che non era al potere nel piccolo paese nordico da circa 10 anni, e che ha conquistato 89 dei 179 seggi di cui è composto il Parlamento danese. Il nuovo primo ministro sarà quindi la signora Helle Thorning-Schmidt, che a 44 anni si appresta a diventare il primo premier donna della storia della Danimarca, che dal 1901 è una monarchia parlamentare a tutti gli effetti.

Sconfitto ex-premier Rasmussen – La Thorning-Schmidt è a capo del partito socialdemocratico, che in questa tornata elettorale ha perso consensi tra i danesi. Gucci-Helle, nomignolo assegnatole dalla stampa per la sua passione per gli abiti e gli accessori firmati, ha vinto grazie al boom dei partiti della sinistra radicale, che in queste elezioni hanno conquistato 15 seggi in più rispetto alle passate consultazioni. Boom dei partiti di estrema sinistra che ha fatto da contro-altare al flop delle formazioni politiche della destra filo-xenofoba, che hanno perso ben 13 seggi. La Thorning-Schmidt ha quindi preso il posto del liberale Rasmussen, ed ha già illustrato il suo programma alla Danimarca, annunciando che la pressione fiscale rimarrà alta, per non penalizzare quella fascia della popolazione che si serve dei sussidi del Welfare, ed ha inoltre comunicato delle modifiche alle leggi che regolano l’immigrazione, che nel periodo di governo del centrodestra erano diventate molto restrittive.

Simone Lo Iacono