Galan accusato di razzismo: finanziamenti al Festival di Roma 27 volte inferiori a quelli di Venezia

Razzismo, Roma – La città di Roma vuole ricevere le scuse che le deve il Ministro per i Beni e le Attività Culturali Giancarlo Galan. Il fatto è che la Capitale si è ritrovata a dover dedurre dall’evidenza delle cose che l’importanza degli eventi culturali che si svolgono presso di essa vengono ritenuti meno “meritevoli” rispetto a quelli che hanno luogo nel nord del Paese. La matematica, perlomeno quella spicciola, non è un’opinione: il Festival del Cinema di Roma è stato privato del settanta percento dei finanziamenti che gli spettavano, trattamento che, invece, non è stato riservato alla Mostra del Cinema di Venezia, che ha ricevuto i suoi bei sette milioni alla faccia della rassegna cinefila della città del Colosseo.

Ennesima ripicca – «Si tratterebbe dell’ ennesima ripicca di questo governo contro la capitale», dice Nicola Zingaretti, presidente della provincia di Roma. Il Festival del Cinema di Roma rischia di perdere ben duecentosessantamila euro. Se confrontati, i finanziamenti ricevuti dalla rassegna cinematografica tenutasi nel nord del Paese sono quasi ventisette volte più cospicui rispetto a quelli che spetteranno alla capitale, che non sembra aver preso bene tale smacco. Il Ministro Galan è stato accusato anche di razzismo, insulto ancor più grave se si pensa che, in questo caso, potrebbe quasi essere legittimo.

M.C.