Fini, nuovo governo e basta carnevalate

Giornate calde, non solo per il meteo, ma anche nel mondo politico. Non si sono fatte attendere, infatti, le reazioni dei politici all’opposizione a seguito della pubblicazione delle intercettazioni che vedono coinvolto Silvio Berlusconi e un gran numero di donne. Fini  chiede le dimissioni dell’esecutivo per salvare l’immagine dell’Italia aggravata degli scandali sessuali e da un Presidente del Consiglio che sembra non avere più le energie necessarie per dedicarsi al suo ruolo istituzionale. Il Presidente della Camera critica anche la Lega: “L’Italia esce dalla crisi tutta intera e non ha bisogno di carnevalate padane, ma di un governo che governi e di un premier che non dica scherzosamente che lo fa a mezzo servizio perché ha la mente impegnata altrove.”

Invito alle dimissioni non solo da Fini. Anche l’Udc invita ad un passo indietro del Premier, ironicamente il segretario Lorenzo Cesa si rifà alla generosità tanto dichiarata da Berlusconi in questi giorni, ma questa volta a favore di tutti gli  italiani, attraverso le dimissioni. Il leader di Sel, Nichi Vendola, ha affermato invece: ”Spero che quanto prima si possa chiudere questa pagina schifosa, che si possa dare all’Italia una traccia di speranza, una qualche prospettiva di salvezza”, visto che, ha detto il Governatore pugliese, negli italiani sta crescendo rancore e delusione verso la classe politica. Anche per il Pd e l’Idv la richiesta è sempre la stessa recarsi al Quirinale con le dimissioni. Unico punto su cui tutte le opposizioni concordano.

Elisa Minelli