Serena Dandini, donna con gli ‘attributi’: licenziata

Serena Dandini licenziata – Dopo tanti tira e molla si è giunti alla conclusione: niente divano rosso, niente Serena Dandini, niente Parla con me. Prima Santoro, ora lei: ecco che la Rai si appresta a perdere un altro professionista, una donna con gli ‘attributi’, anticonformista e irriverente. Tutto secondo le ‘regole’: se sei una persona con un minimo di carattere e di dignità, ormai non puoi stare più neanche in Rai. A contendersi la (s)comoda seduta purpurea ora potrebbero essere LA7 o Sky, ma la Dandini assicura che farebbe la “sua trasmissione anche in una piazza”.

A proposito di “sua” – Oltre al danno, anche la beffa: pare che la Rai rivendichi anche un diritto di proprietà sul programma che ne impedirebbe la produzione da parte di aziende esterne. Ma la conduttrice parla chiaro: “Il format di Parla con me l’ho inventato io”. E se il Consiglio ci tiene che non si parli di censura, allora vuol dire che “anche la parola censura è stata censurata”, come ha commentato Santoro.

Una scelta politica – Da una parte la Rai, che ha detto: “Parla come è prodotto da una società esterna, mentre noi vogliamo tornare a produrre tutto internamente per risparmiare“. Dall’altra la Dandini, che denuncia una “scelta politica” dietro il suo licenziamento. Se è vero, come dice il CdA, che il contratto contrastava con la normativa prevista, perché non è stato semplicemente cambiato? La politica gioca un altro scacco matto, ma fuori dal suo recinto, la libertà conquista sempre più terreno.

Corinna Trione