Che tempo che fa: il monologo irriverente di Luciana Littizzetto

Prima puntata di domenica 18 settembre 2011. Luciana Littizzetto è tornata  insieme a “Che tempo che fa”, con Fabio Fazio,  su Rai 3. Le notizie dell’estate non sono mai state così divertenti. La manovra economica, l’esternazione di Silvio Berlusconi e le dichiarazioni su Angela Merkel vengono condite con la “Danza Kuduro” e la figlia di Alessia Marcuzzi e Francesco Facchinetti.

L’inizio. Chi mandano via dalla Rai? Ecco il nuovo tormentone. La dipartita di Michele Santoro e Serena Dandini diventa meno ostica se esce dalla bocca della Littizzetto che subito dopo essere entrata in studio chiede al suo compagno di avventure come abbia fatto a rimanere al suo posto durante questa estate così burrascosa. Secondo Luciana, Fazio è rimasto fisso in studio a presidiare la sua poltrona e la sua scrivania per tutta l’estate e non ha mollato il colpo fino alla messa in onda, tanto che non ha ballato nemmeno il tormentone di Don Omar & Lucenzo.

La politica. Si passa poi a parlare della manovra finanziaria e così una domanda nasce spontanea. Perché paghiamo l’assistenza sanitaria ai parlamentari italiani? Luciana si interroga e si chiede perché mai il popolo italiano abbia eletto persone “così graciline” e che hanno bisogno di tanta assistenza. Poi, meditando un po’ insieme al pubblico in studio e ai telespettatori a casa, arriva ad una conclusione e rivela di voler vedere i parlamentari trasformarsi in super modelli. I soldi versati per loro dovranno avere qualche effetto, o no? L’appello finale è rivolto alla santità di Manuela Arcuri. Luciana è finalmente tornata e siamo sicuri che ne sentiremo delle belle. Già da ora inizia il conto alla rovescia per il suo prossimo monologo.

Alessandra Solmi