Don Gallo: Berlusconi è malato, venga in comunità da noi

Genova – In onda su La7, il sacerdote propone la sua soluzione dopo gli ultimi scandali che hanno riguardato il premier: “Mi offro di prenderlo nella mia comunità, stia un po’ con noi. Chissà che poi da li non possa ripartire“.

Berlusconi è malato – Dura la provocazione lanciata da Don Gallo ospite del programma In Onda trasmesso su La7. Il riferimento è agli ultimi scandali che stanno venendo fuori dalle intercettazioni che riguardano feste nella villa del premier, ragazze, escort e non solo.
Berlusconi è malato. Gli offro un posto nella mia comunità“. Don Gallo non ha usato alcun giro di parole per lanciare la sua provocazione.
Mi offro di prenderlo nella mia comunità, stia un po’ con noi. Chissà che poi da li non possa ripartire“.
E ancora: “Coloro che sono più vicini a Berlusconi, parlamentari, ministri, la Chiesa, la Costituzione, non gli fanno capire che ci vuole un minimo di decoro”.

Avvenire contro il premier – Gli ultimi scandali non sono piaciuti nemmeno al direttore di Avvenire Marco Tarquinio, che non nasconde le sue critiche: “È mancato troppo del buon governo necessario, con le vere e giuste priorità”.
Tanta attenzione, con raffiche di leggi e leggine nonché di tentativi di leggi e leggine, in tema di giustizia non ha impedito un solo scontro da parte della politica e parte della magistratura e non ha scongiurato l’attuale assedio giudiziario a Palazzo Chigi, increscioso sia per modi con cui si svolge sia per gli imbarazzanti contenuti che ha portato alla luce”.

Matteo Oliviero