Melania, la mamma: Diventò anoressica per colpa di Parolisi

Sui tradimenti di Salvatore Parolisi si è detto molto. L’indagato, al momento l’unico, per l’omicidio della moglie Melania Rea, ritrovata cadavere il 20 aprile scorso a Ripe di Civitella, in provincia di Teramo, potrebbe avere avuto nella sua doppia – anche se secondo alcuni il termine più appropriato da utilizzare sarebbe ‘multipla‘ – vita la scintilla che ha dato il la a una sorta di esplosione a catena che avrebbe portato Parolisi a massacrare con più di trenta coltellate la consorte.
In attesa che le indagini vadano avanti è tornato il tempo di chiedersi sui modi in cui il caporalmaggiore dell’esercito riusciva a gestire le proprie relazioni extraconiugali, su tutti quella ‘fissa’ con Ludovica Perrone, parallelamente al proprio matrimonio.

Melania sapeva? – Se nelle settimane successive al ritrovamento del corpo in molti, specialmente tra i familiari della vittima, negavano con sicumera l’ipotesi secondo cui Melania era stata a conoscenza dei tradimenti del marito, successivamente si è iniziato a capire che in effetti la donna qualcosa già sapeva, al punto di arrivare a minacciare la rivale in amore di rovinarle la carriera militare se non avesse concluso la storia con Parolisi.
Sviluppi che di certo non hanno stupito coloro che hanno sempre ritenuto improbabile che il caporalmaggiore del 235° Rav Piceno, distintosi nel corso delle indagini per gli innumerevoli passi falsi compiuti, fosse riuscito sul serio a tenere tutto nascosto agli occhi della compagna.
Oggi, con la posizione del caporalmaggiore che sembra sempre più critica nonostante i suoi legali cerchino di dimostrare come l’accusa stia facendo leva su dati confutabili, non sembrano esserci dubbi: Melania sapeva e a farlo intendere è la madre Vittoria che in un’intervista allude alla somatizzazione della delusione da parte della figlia, al momento in cui venne a scoprire dell’infedeltà di Parolisi.
La signora Rea, a tal proposito, ha dichiarato: “Salvatore, aveva già ucciso Melania con i tradimenti. L’ha uccisa dentro, facendola diventare anche anoressica“. Per poi aggiungere: “Voglio la verità, se non l’ha uccisa lui perché non lo dice? L’ho difeso fino adesso, ma ormai ho perso la fiducia in lui“.

Simone Olivelli