Serie A, Inter-Roma 0-0: qualche emozione ma reti inviolate

Serie A, Inter-Roma 0-0 – La partita che doveva decidere il destino di Gasperini e Luis Enrique termina con uno 0-0 che scontenta tutti ma non troppo. Inter e Roma hanno dato vita ad una partita quantomeno intensa e orgogliosa, a differenza di quelle viste nelle ultime settimane, con i giallorossi, con una formazione sorprendente (Perrotta e Taddei terzini, Pizarro mezz’ala, Borriello in panchina), che iniziano ad intraprendere la strada maestra segnata dal tecnico spagnolo, con un possesso palla continuo, e l’Inter che ritrova un po’ di verve e cerca con grinta la via della rete che manca per questione di centimetri.
E così arriva il pareggio a reti bianche che non sposta le posizioni dei due tecnici: un passo falso nell’infrasettimanale potrebbe costare molto caro.

Roma vivace, Inter alla distanza – I primi minuti a farla da padrona è la paura: le due squadre hanno paura di scoprirsi. Ci vuole il 11′ per la prima conclusione: rasoterra di Osvaldo, para Julio Cesar. Qualche minuto dopo, attimi di panico a San Siro: Lucio si presenta a tu per tu con Stekelenburg che lo anticipa, il brasiliano non toglie il piede e colpisce alla testa il portiere olandese che perde conoscenza. Per fortuna arriveranno buone notizie sullo stato di salute dell’ex Ajax che verrà sostituito da Lobont.
La Roma continua a fare il suo meglio e Borini impegna Julio Cesar, che risponde ancora presente. Poi cresce l’Inter ma Sneijder è troppo lontano dalla zona offensiva del campo per pungere, mentre Milito non trova gli spazi e Forlan si danna l’anima per cercare la giocata vincente.
Alla fine la migliore occasione è per Nagatomo in chiusura di tempo: il giapponese conclude un’azione spettacolare con un tiro di destro che sfiora la traversa.

Inter sprecona – Ripresa che parte con un po’ di confusione nella difesa a 3 di Gasp ma la Roma non ne approfitta. Milito sbaglia un gol fatto, girando fuori, di testa, una punizione di Sneijder. Entra Zarate al posto del “Principe” e l’ex laziale sfiora il vantaggio con tiro di sinistro che fa la barba al palo. Anche Forlan ci prova col mancino e ancora una volta Lobont può solo soffiare sulla palla e gli va bene. Sneijder avanza il suo raggio d’azione e inizia a concludere, sbattendo sul portiere rumeno. 
Esce Forlan, entra Muntari e San Siro non gradisce. Il trequartista olandese prende per mano i nerazzurri e vede il gol sfuggirli per un polpaccio di Kjaer
che non permette al suo tiro a botta sicura di gonfiare la rete. Dopo qualche altra azione confusa o meno, Inter e Roma si devono accontentare del pareggio. Zero in classifica cancellato ma i problemi restano.

Edoardo Cozza