Morte Bonatti: la compagna allontanata dalla rianimazione

Morte Bonatti: la compagna fuori dalla rianimazione. Il 13 settembre scorso muore Walter Bonatti, il grande alpinista e scrittore italiano. Un uomo che il mondo l’ha visto tutto, o quasi. A distanza di due settimane a parlare è la sua compagna storica Rossana Podestà, attrice molto conosciuta negli anni 60. In  un’intervista rilasciata a Vanity Fair, la donna spiega la sua decisione di nascondere a Walter la malattia, un coraggio difficilmente eguagliabile, culminato paradossalmente in un dolore ancor più profondo, dettato dall’impossibilità di poterlo assistere negli ultimi istanti di vita. “Lei non è la moglie” le hanno detto all’ospedale. E’ la norma, nessuna possibilità d’infrangerla.

Gli ho nascosto la malattia: “Avevo il terrore che potesse decidere la sua morte da solo”. E così, la verità delle cartelle cliniche, che dipingenvano un quadro senza speranza di un tumore al pancreas all’ultimo stadio, la sapeva quasi  solo lei: “Sono orgogliosa di averlo fatto” ha aggiunto, nonostante le molte critiche. Impossibile per lei immagine che, proprio nel momento in cui avrebbe voluto essere il più vicino possibile all’uomo della sua vita, che se ne stava andando per sempre, una fredda legge glielo avrebbe impedito. Walter Bonatti e Rossana Podestà infatti non erano sposati; “non ce ne è mai importato nulla” ha spiegato la donna a Vanity Fair.

A.S.