“Il signore della truffa”: Gigi Proietti, uomo a due facce in una nuova fiction

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:39

Fiction – “Il Signore della truffa” sarà presentato in anteprima al RomaFictionFest. La Fiction, una miniserie in due puntate, andrà in onda il 3 e 4 Ottobre in prima serata su RaiUno. Nel cast oltre a Gigi Proietti, Maurizio Casagrande, Massimo de Lorenzo, Susy Laude e la partecipazione straordinaria dell’attore spagnolo Juan Diego. La storia attinge a piene mani alla commedia all’italiana, e guarda con occhio divertito ai problemi della gente comune e ai valori su cui si fonda – o si dovrebbe fondare – la nostra società: solidarietà, senso della giustizia e della famiglia, generosità e amicizia.

La vita di Nicola Persico, generale della finanza in pensione, è scandita dalla passeggiata mattutina, il caffè al bar di Totò, qualche conquista tra le attempate vicine e l’immancabile branzino “sdraiato su un letto di patate con addosso solo un filo d’olio”.
Solo che Nicola Persico – che avrà sullo schermo il viso, la bravura, l’arte e la simpatia di Gigi Proietti – non è un generale della finanza. E non si chiama neppure Nicola Persico. La sua identità segreta è Federico Sinacori: “il Signore della truffa”, lo hanno soprannominato le polizie di mezza Europa, negli anni ruggenti in cui ha messo a segno truffe mirabolanti che lo hanno consacrato come il più grande di tutti… prima che sparisse, senza motivo apparente. Forse c’è un segreto, in quella sparizione. E forse arriverà il momento di farci i conti. Ma da vent’anni, Nicola si nasconde, lontano dal bel mondo che lo ha visto protagonista, un po’ avventuriero un po’ playboy, ma lontano anche dalle grinfie della polizia e dai ricordi.

Il destino, baro quanto lui, bussa però di nuovo alla sua porta. Gli inquilini del suo palazzo sono vittime di una truffa ordita da una finanziaria che li espropria degli appartamenti. Nicola, per la sua esperienza in quanto ex generale della finanza in pensione, viene chiamato in causa. Sarebbe facile rifiutare, salvando il suo esilio dorato, ma Nicola si lascia intenerire e propone agli allibiti condomini di contro-truffare la finanziaria. Forse il cuore tenero parla per lui. O forse è la voglia, mai sopita, di tornare in campo, anche rischiando di essere arrestato.

La sceneggiatura è scritta da Paolo Logli e Alessandro Pondi da un soggetto di Giorgio Schöttler e Giorgio Glaviano. La fiction è stata girata interamente in Piemonte, nella città di Verbania e nei dintorni sfruttando i bellissimi territori che circondano il Lago Maggiore.

R. D. B.

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!