Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Ultime notizie di Economia

De Tomaso: a rischio oltre mille posti

CONDIVIDI

Sembra già terminare l’avventura della De Tomaso, e della famiglia Rossignolo che voleva rilanciarla. Ad anticiparlo l’edizione di ottobre di ‘Quattroruote’, che precisa che l’azienda “è stata sfrattata dallo stabilimento ex Pininfarina di Grugliasco (To) e ora la maggioranza del pacchetto azionario è in vendita al miglior offerente”. L’unica speranza per i 1.100 dipendenti della De Tomaso, 950 a Torino e 150 a Livorno, la cui cassa integrazione, ricorda il mensile, scadrà a fine dicembre, rimane “l’arrivo di un investitore straniero disposto ad acquisire la maggioranza dell’azienda”.

Cercasi investitore. Anche se non se ne parla esplicitamente negli ambienti industriali, sembra che la produzione della Deauville, lanciata allo scorso Salone di Ginevra, debba essere spostata altrove. Si tratterebbe di un  colpo definitivo al tessuto industriale di Torino. Gianluca Rossignolo ammette le difficoltà del marchio, ma va giù duro sulla gestione della vicenda da parte della Regione Piemonte: “l’ex presidente Mercedes Bresso ci aveva promesso una copertura finanziaria di 18 milioni di euro. Poi sono arrivati i leghisti, ovvero Roberto Cota, e hanno bloccato tutto. Certo che siamo a corto di liquidi, ma è perché la Regione ha cambiato le regole del gioco in corsa”. Claudio Porchietto, assessore al Lavoro della Provincia di Torino, accusa invece  la famiglia Rossignolo di assenteismo alle trattative sottolineando come da sempre sia mancato l’appoggio bancario al progetto. Lo stesso Rossignolo non ha celato le sue intenzioni future: “a noi piacerebbe molto rimanere a Torino. Ma chi ci mette i soldi comanda” e a fine agosto aveva indicato di aver già definito “i termini dell’accordo con un nuovo socio che avrebbero comportato risvolti significativi per la strategia industriale della De Tomaso” rinviando a fine settembre ulteriori precisazioni. Il riferimento sembra essere l’investitore indiano con cui l’azienda ha da tempo avviato colloqui.

M.N.