Energia: Bortoni stima stabilità prossime tariffe gas ed elettricità

“Il gas e l’energia elettrica hanno due metodi differenti di calcolo, quello del gas, in particolare, è legato ai nove mesi dei corsi di petrolio precedenti. Guardando al periodo precedente si vede che il petrolio è rimasto a livelli alti e quindi non si deve aspettare sicuramente modifiche al ribasso, per ora. È vero che in questi ultimi giorni ci sono stati ribassi dei prezzi del petrolio e quindi per il futuro possiamo sperare in qualche variazione positiva”. Così il presidente dell’Autorità dell’energia e del gas, Guido Bortoni, lascia intuire che per le prossime tariffe non dovrebbero esserci variazioni per quanto riguarda le bollette del gas. Durante l’11° Italian Energy Summit promosso dal Sole 24 Ore, Bortoni ha anche precisato che “per settembre ci potrebbe essere una riflessione dei corsi del petrolio alti dei mesi precedenti”. Per quanto concerne l’elettricità, il presidente dell’Authority ha risposto con “credo che non siamo in condizioni critiche in questo aggiornamento”.

Piano Nazionale entro fine anno. L’atteso Piano Energetico Nazionale, che doveva essere pronto il 15 settembre scorso, è in fase di attuazione e sarà definito entro fine anno. All’Italian Energy Summit del Sole 24 Ore è toccata al sottosegretario allo Sviluppo Economico, Stefano Saglia, fornire queste rassicurazioni, precisando che “la strategia è in corso di realizzazione. È stato affidato lo studio preliminare all’Enea e quindi speriamo, entro la fine dell’anno, di poter dare un quadro complessivo di lungo termine”. Saglia ha anche aggiunto che “il clima politico non è dei migliori, perché chiaramente un tema del genere andrebbe condiviso anche con l’opposizione. Speriamo di portare il Libro Verde all’attenzione del Parlamento in modo che quando diventerà Libro Bianco, secondo il metodo europeo, trovi consenso anche al di fuori dell’area di maggioranza, visto che non c’è più il tema del nucleare sul quale si confliggeva”.

M.N.