Serie A, Atalanta-Novara 2-1: Schelotto e Cigarini fanno volare i bergamaschi

Atalanta-Novara 2-1 – L’Atalanta non finisce di stupire. Polverizzata nel giro di tre turni la penalizzazione, la squadra di Colantuono continua nel suo cammino da big: 2-1 al Novara, tre successi e un pari nelle prime quattro gare della stagione. La partita contro i piemontesi viene decisa dalle reti di Schelotto al 34′ del primo tempo e Cigarini al 12′ della ripresa: inutile il gol di Porcari a tempo scaduto. “Peccato non poter festeggiare il primato – le parole di un felice Colantuono a fine match –. Comunque siamo contenti, siamo fuori da una situazione molto complicata. Sono soddisfatto della prestazione dei miei ragazzi, per circa 80 minuti abbiamo dominato la partita con due gol e un palo. Poi è subentrata un po’ di stanchezza ed abbiamo corso qualche rischio di troppo“. Il riferimento del tecnico dei bergamaschi è anche la gol annullato a Granoche in pieno recupero: “Quello dell’arbitro Ostinelli è un errore che pesa – la rabbia di Tesser –, il gol era regolare. Purtroppo stiamo facendo fatica ad entrare in partita subito ed avere quella personalità che serve in Serie A“.

Schelotto, gol e palo – Turn-over per Colantuono, che a sorpresa lascia fuori Maxi Moralez sostituendolo con Gabbiadini. Cigarini riprende il suo posto in mezzo al campo, Consigli recupera e va tra i pali. Nessuna novità nel Novara: Tesser manda in campo gli stessi undici che martedì hanno schiantato l’Inter. L’inizio di gara è equilibrato: i bergamaschi fanno la partita, gli ospiti si difendono con ordine. La prima conclusione del match è di Meggiorini: tiro debole e Consigli para. Ancora Meggiorini ci prova a metà primo tempo, ma la sua conclusione da posizione favorevole finisce a lato. Pian piano l’Atalanta sale e si avvicina dalle parti della porta ospite. Schelotto si fa vivo al 27′: Ujkani ci mette una pezza. Al 34′ arriva il gol che spazza in due il match: cross da sinistra di Bellini, Schelotto irrompe sul secondo palo e insacca di testa. Passa un solo minuto e Schelotto, sempre lui, ci prova di prima intenzione: palo pieno e il Novara si salva.

Nel finale il gol annullato – La ripresa si apre come si era chiusa la prima frazione: Atalanta in controllo del match e Novara che prova a pungere senza riuscirci. Radovanovic, ex di turno, tenta la botta da fuori, ma Consigli para senza affanni. E’ un fuoco di paglia, perché al quarto d’ora arriva il raddoppio: gran destro dal limite di Cigarini e palla che si infila sotto l’incrocio. La gara, di fatto, sembra chiudersi qui. Troppo forte questa Atalanta, o forse poco reattivo il Novara, che sembra un’altra squadra rispetto a quella ammirata martedì al Piola. Granoche, entrato al posto di Mazzarani, prova a ravvivare il finale di gara. A 7′ dal termine impegna Consigli, costringendolo alla deviazione in corner. All’89’ arriva il gol che riapre i giochi: Porcari calcia da fuori, papera di Consigli e palla in rete. Nel 2′ di recupero, come detto, l’episodio che fa imbestialire gli ospiti: Granoche mette alle spalle di Consigli, ma l’arbitro annulla per un fuorigioco che non c’è. All’Atleti Azzurri d’Italia finisce 2-1 per l’Atalanta: nonostante le recriminazioni del Novara, una vittoria ampiamente meritata.

Pier Francesco Caracciolo