Man.City, Mancini furioso: “Tevez non è entrato, con me ha chiuso”

Manchestere City, Tevez – Sembra giunta al capolinea l’avventura di Carlos Tevez con la maglia del Manchester City. L’ultimo episodio del burrascoso rapporto tra l’attaccante argentino e l’allenatore dei Citizen Roberto Mancini è andato in scena ieri sera all’Allianz Arena di Monaco, durante il match di Champions League vinto 2-0 dai padroni di casa del Bayern. A rivelarlo, a fine gara, è stato lo stesso Mancini davanti a microfoni e taccuini: “Non è entrato, Tevez con me ha chiusoSe un giocatore viene al Manchester City– ha proseguito il tecnico italiano -, guadagna tanti soldi e poi rifiuta di giocare, con me ha chiuso. Tevez non potrà più giocare con noi”. Il tecnico italiano ha poi aggiunto che nelle prossime ore affronterà l’argomento con i suoi dirigenti per arrivare all’allontanamento del giocatore. “In particolare con il presidente: sarà lui a prendere la decisione finale. Ma io non posso accettare che un mio calciatore rifiuti di entrare in campo e quindi di aiutare la squadra”.

Tevez smentisce – Il diretto interessato, però, nega il rifiuto, cercando forse di ricucire lo strappo con Roberto Mancini. La punta del ManchesterCity afferma infatti che tra lui e il tecnico c’è stato un fraintendimento. C’è stata un po’ di confusione in panchina – ha detto il giocatore in una dichiarazione a fine gara – e penso che la mia risposta non sia stata capita. Non avevo nessuna intenzione di disobbedire agli ordini del tecnico. Voglio chiedere scusa a tutti i tifosi per qualsiasi incomprensione avvenuta a Monaco. Tutti sanno che quando sono sul campo do sempre il massimo. Ieri sera mi ero riscaldato ed ero pronto ad entrare. Non voglio approfondire ora i motivi per i quali questo non è successo, ma ci tengo a sottolineare che non mi sono rifiutato di giocare”.

Umberto Grano