MotoGP, Simoncelli rinnova con Honda Gresini

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:37

MotoGp, Simoncelli non cambia – Dopo incredibili sforzi dei vari sponsor, del team italiano e del manager Carlo Pernat, la situazione di Marco Simoncelli per il 2012 si è finalmente definita. Causa la crisi economica globale, la Honda aveva deciso di tagliare il budget per la classe regina, confermando solo l’attuale coppia Repsol Stoner-Pedrosa e lasciando nel dubbio sia il capelluto pilota che lo stesso Andrea Dovizioso. Ma se per quest’ultimo le trattative sono ancora in corso (rimanere con la Honda attraverso la struttura di Cecchinello oppure passare alla corte Yamaha vestendo i colori del team Tech3) per il Sic tutto si è risolto nei migliori dei modi: “Sono davvero felice di poter annunciare che Marco sarà con il Team San Carlo Honda Gresini anche nel 2012” Scrive un radioso Fausto.

Il comunicato –Nei due anni trascorsi insieme abbiamo apprezzato le qualità di Marco come pilota, come uomo e come estroverso comunicatore, e questo ci ha fatto desiderare il seguito della collaborazione. Ovviamente per far succedere tutto ciò sono stati necessari gli sforzi degli sponsor che hanno creduto fortemente nel progetto, sono davvero grato a tutti loro. L’HRC ci offrirà un supporto generale molto importante e sul fronte tecnico ci metterà a disposizione una RC213V factory: questo è motivo di forte orgoglio nonché testimonianza dello stretto legame che abbiamo costruito con la casa giapponese in 15 anni di fruttuosa partnership. La grande determinazione di Marco ci darà fortissime motivazioni per una stagione che si preannuncia esaltante

Obbiettivo raggiunto – Ugualmente felice Simoncelli, da sempre propenso a mantenere il suo status attuale nel motomondiale visto il perfetto feeling che si è creato tra lui e gli uomini del team: “Vestire un altro anno i colori del Team Gresini alla guida della Honda RC213V è per me motivo di grande soddisfazione. Rientrare nel progetto voluto e supportato dalla Honda HRC trasmette in me sicurezza e mi dà le giuste motivazioni per poter dimostrare di essere uno dei  protagonisti della MotoGP. Il 2012 sarà per me un anno importante e voglio regalare a tutti quelli che hanno creduto in questo progetto forti emozioni” Ora il colosso nipponico dovrà sistemare il non facile problema Dovizioso. Sperando che, anche lì, fili tutto per il verso giusto e che nessuno debba, per forza di cose, inghiottire un amarissimo boccone.

Riccardo Cangini

Iscriviti al canale Telegram di NewNotizie per non perdere nessun aggiornamento: CLICCA QUI!