Mostra d’arte sulla Fiat 500: intervista all’ideatrice Pamela Ruggiano

Mostra d’arte sulla Fiat 500. E’ in corso, presso lo Spazio Concept di Milano 500 Contemporary Art Meeting,  mostra organizzata da Arttwee che si propone di immortalare attraverso le più diverse forme di espressione artistica l’anima della storica Fiat 500. Le opere rimarranno esposte fino al 2 ottobre prossimo. Durante l’inaugurazione del 21 settembre scorso, un buon numero di modelli messi a disposizione dal Fiat 500 club Italia, hanno fatto da cornice esclusiva all’evento. L’organizzatrice ed ideatrice, Pamela Dima Ruggiano, confessa così la sua passione per la piccola ed inimitabile utilitaria.

Quando  ha deciso di allestire una mostra di arte contemporanea sulla Fiat 500? Perchè? Da dove è nata l’idea?

Sono le circostanze che creano il momento ideale per un’ispirazione, di conseguenza, un’iniziativa. Ero molto giovane quando l’ho vista per la prima volta, era ormai in fase di rottamazione, sembrava mi stesse guardando, ho subito deciso di prenderla restaurarla e tenerla in vita. Un pomeriggio portavo mio figlio di 2 anni in campagna,non  poteva ancora parlare. Vede una vecchia 500, non richiama le nostre attenzioni, si limita a seguirla con lo sguardo…. Sorride! Non c’è età, irresistibilmente romantica, forse per alcuni un po’ nostalgica. Da qui nasce la volontà di renderla davvero infinita, per sempre, attraverso l’arte, che esprime in modo chiaro e limpido il pensiero, le sensazioni, i desideri dell’essere umano.

Quanto tempo è stato necessario per realizzarla concretamente? E quali sono state le difficoltà maggiori?  

Per realizzare la mostra sono stai necessari più di 6 mesi di  organizzazione, che passano dalla scelta delle opere, della location e alla ricerca di sponsor interessati al progetto.

Come sono stati scelti gli artisti?

Gli artisti sono stati scelti sul panorama di artisti contemporanei emergenti, alcuni anche già noti per aver fatto mostre di grande importanza. La scelta è stata curata dal direttore artistico: Giuseppe Iavicoli di Spazi Possibili che ne ha curato anche l’istallazione e tuttti i  piccoli dettagli che si incontrano quando si deve portare al pubblico una mostra dello spessore di quella fatta,
infatti più di 60 opere sono state selezionate, analizzate , e curata la bio degli artisti stessi.

E’ prevista la vendita delle opere in futuro?

Si, la mostra ha come fine oltre che divulgarne il concept, quello di vendere le opere, che rimarranno in vendita per tutta la durata del tour. Il catalogo che è stato creato costituisce una guida per
collezionisti e amanti dell’arte.

Com’e nata la collaborazione con il Fiat 500 Club Italia?

La collaborazione con il Fiat 500 Club Italia è stata diretta, essendo loro il più grande club al mondo di 500 e suoi possessori. La fama la si può constatare durante i raduni specifici delle 500 ed in particolare del raduno di Luglio dove migliaia di autovetture sono già prenotate di anno in anno.

500 Contemporary art meeting  è itinerante, quale sarà la prossima tappa? 

Una tappa del  meeting sarà sicuramente Garlenda (In Provincia di Savona, nda), ma anche  Torino..

 

Angelo Sanna