Home Interni: Scopri cosa accade Oggi in Italia Politica

Lavitola indagato a Bari: Ha indotto Tarantini a fornire falsa testimonianza su Berlusconi

CONDIVIDI

Il faccendiere Valter Lavitola è ufficialmente indagato dalla Procura di Bari, perché sospettato di aver indotto l’imprenditore Gianpaolo Tarantini a fornire false testimonianze nell’ambito dell’inchiesta sulla presunta estorsione di cui sarebbe rimasto vittima il premier Silvio Berlusconi, costretto a dare soldi per acquietare la potenziale pericolosità delle rivelazioni di Tarantini sulla vicenda escort.
A essere iscritto nel registro degli indagati potrebbe essere lo stesso Presidente del Consiglio, con la medesima accusa di Lavitola: in questo caso, gli inquirenti vedrebbero nell’agire di Berlusconi non più la reazione a una pressione subita, ma il tentativo esplicito di ‘regolare’ le esternazioni dell’imprenditore pugliese.
A tal riguardo, però, non è stata ancora presa una decisione ufficiale da parte del procuratore aggiunto Pasquale Drago e per saperne di più, quindi, bisognerà attendere i prossimi giorni.

Mandato di cattura – Sul Valter Lavitola, comunque, continua a pendere un mandato di cattura emesso a inizio settembre e in scadenza il 16 ottobre prossimo. Per quella data, la Procura di Bari dovrà decidere se rinnovare l’ordinanza di custodia cautelare o meno.
Lavitola, la scorsa settimana, è stato protagonista di un intervento in diretta nel corso della trasmissione televisiva Bersaglio mobile, in onda su La7. A colloquio con il giornalista Enrico Mentana, il faccendiere ha dichiarato non avere intenzione di ritornare in Italia poiché, a suo dire, sarebbe rimasto vittima degli effetti di quella da lui definita come ‘fuffa mediatica‘. Da parte dell’ex direttore del quotidiano L’Avanti, è partita anche un’accusa: secondo Lavitola, gli inquirenti avrebbero omesso di acquisire una telefonata che dimostrebbe la sua totale estraneità alle accuse rivoltegli.
A proposito di acquisizioni, c’è da dire che negli scorsi giorni è stato lo stesso Mentana a chiedersi, in diretta tv, come mai a distanza di quarantotto ore dalla messa in onda del collegamento nessuna delle autorità preposte avesse chiesto chiarimenti sul luogo in cui si trovava Lavitola.

Simone Olivelli

 

Leggi NewNotizie.it, anche su Google News
Segui NewNotizie.it su Instagram