Serie A, bilancio 6^ giornata: Novara attacco super, Inter peggior difesa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:16

Serie A, primo bilancio. Cinque giornate del massimo campionato sono trascorse ed è già tempo di tirare le prime somme. La classifica è senza dubbio la prima sorpresa: Udinese e Juventus sono in testa, staccando di un punto il Napoli e le outsider Cagliari e Palermo. Più indietro le romane appaiate a 8 punti e le milanesi sorprendentemente nella parte bassa della classifica. Tuttavia, il dato più interessante è costituito dai numeri di queste prime cinque partite. Secondo le statistiche, è infatti il neopromosso Novara a detenere lo scettro di attacco più prolifico del campionato con dieci reti siglate, ovvero con la media di due ogni gara. Rigoni, Morimoto, Jeda e co. Possono quindi godersi questo primato, a dispetto di squadre molto più attrezzate in zona gol. Un record per la squadra di Tesser che però recrimina sullo scarso interesse dei media: “Noi super, ma nessuno lo dice”.

Inter, che disastro. Se da una parte il Novara festeggia il suo primato, dall’altra parte c’è chi piange il suo record negativo. È l’Inter di Gasperini e Ranieri che, dopo cinque giornate, vanta la peggior difesa dell’intera Serie A, con ben 11 reti al passivo, con la media di oltre due gol subiti ogni partita. Un trend da provinciale che rende impietoso il raffronto all’esperta difesa interista. Dal Palermo, al Novara, al Napoli, sono molte le squadre che hanno avuto vita facile contro l’approssimativa retroguardia nerazzurra. Un dato che deve certamente fa riflettere: nonostante le numerose cessioni, è l’Udinese a detenere lo scettro di migliore difesa del campionato con un unico gol al passivo. La squadra nerazzurra è quindi chiamata a una brusca inversione di tendenza per evitare guai peggiori: con una difesa così infatti risalire la china sarà davvero molto difficile.

Emanuele Ballacci