Serie A, Palermo-Siena 2-0: rosa concreti, vincenti e secondi

Palermo-Siena 2-0. Il Palermo ha lottato e sofferto, ma ha battuto il Siena 2-0, portandosi al secondo posto in classifica. Allo stadio Renzo Barbera i padroni di casa si sono imposti grazie alle reti messe a segno da Giulio Migliaccio (19’) ed Abel Hernandez (93’). Bisogna fare comunque i complimenti al Siena, che ha messo in difficoltà la formazione rosanero per gran parte del match. Formazione rosanero che ha giocato in 10 per quasi un tempo, a causa dell’espulsione comminata da Romeo a Balzaretti (55’). Il fischietto veronese ha rimesso le cose in parità al 93’, con l’espulsione di Rossettini

Sblocca Migliaccio – La buona disposizione in campo del Siena ha dato tanto filo da torcere al Palermo, che nei primi minuti di gioco ha provato ad abbattere la saracinesca issata su dai bianconeri con qualche invenzione di Miccoli. Da una di queste è arrivato il gol di Migliaccio, che al 19’ ha battuto Brkic di testa. Sotto di un gol, la compagine di Sannino ha provato a reagire, concedendo diversi spazi alle ripartenze rosanero. Ripartenze che non sono state letali per i toscani, visto che hanno sortito una lunga serie di calci piazzati, battuti in maniera poco precisa da Miccoli.  

Siena all’arrembaggio – Nella ripresa Sannino ha inserito pure Reginaldo, schierando un Siena a trazione anteriore. La mossa si è rivelata giusta, perché il Palermo è apparso smarrito, ed ha subito anche l’espulsione di Balzaretti (55’). La formazione toscana ha iniziato ad attaccare a testa bassa, mettendo anche D’Agostino, ma la rete dell’1-1 non è arrivata. Sono arrivati invece i contropiedi rosanero, che hanno visto Hernandez e Zahavi (entrato al posto dell’infortunato Miccoli) vicini al raddoppio. Raddoppio che si è concretizzato a fine gara col penalty realizzato dall’attaccante uruguagio, sanzionato da Romeo per un precedente fallo di Rossettini (espulso) su Zahavi.

Simone Lo Iacono