“Orgoglio e pregiudizio” si tinge di giallo nel sequel firmato da P.D. James

A quasi due secoli di distanza dalla pubblicazione del capolavoro di Jane Austen “Orgoglio e pregiudizio”, un sequel tinge di giallo le vicende di Elizabeth Bennet e del signor Darcy coinvolgendoli, a sei anni dalle loro nozze, in un thriller ottocentesco.

Commistione di influenze – A firmare il romanzo di 320 pagine la novantunenne scrittrice britannica P. D. James, pluripremiata autrice di bestseller e maestra del noir. “Death comes to Pemberley” il titolo del libro che uscirà nelle librerie della Gran Bretagna il prossimo 3 novembre, pubblicato dalla casa editrice Faber and Faber. «Mi devo scusare con Jane Austen per avere coinvolto la sua carissima Elizabeth in un caso di omicidio, ma questa fusione delle mie passioni, i suoi libri e la letteratura gialla, mi ha dato un piacere immenso», ha commentato la James, autrice di fortunati romanzi, come “Una notte di luna per l’ispettore Dalgliesh” e “La stanza dei delitti”, tutti tradotti in italiano da Mondadori.

“Death comes to Pemberley” –  Ambientato nel 1803, il romanzo si apre con Elizabeth e Darcy sposati, con due figli maschi, che vivono poco distante dalla sorella di lei, Jane e da suo marito Charles Bingley. Alla vigilia del gran ballo d’autunno, la tranquilla vita di campagna della famiglia viene improvvisamente messa in subbuglio. A tarda sera, una carrozza arriva alle porte della loro tenuta di Pemberley, a bordo c’è Lydia, la più piccola delle quattro sorelle di Elizabeth, per annunciare l’assassinio di  suo marito George Wickham. Ha inizio così un incubo che coinvolgerà l’intero nucleo familiare.

Valentina De Simone